ugg highkoo Trattamento delle vendite dei beni a stock

zeppe ugg Trattamento delle vendite dei beni a stock

Con la presente Daily News si intende ricordare che in caso di vendita di beni a stock, al fine di vincere le presunzioni della Amministrazione Finanziaria esiste un semplice procedura che, in ogni caso non preclude l accertativa ordinaria ponendo a carico dell Finanziaria l della prova. La procedura di vendita in blocco, pur essendo tipica di talune attivit commerciali, in particolare delle aziende commerciali all ed al dettaglio che operano nei settori della maglieria, dell o delle calzature ove la stagionalit delle merci ha un forte impatto, non aprioristicamente escludibile anche per altri operatori commerciali, si pensi ad esempio ai beni in rimanenza ceduti dalle imprese durante le fasi di liquidazione e di cessazione dell o a merci che, ad esempio, hanno subito un nel tempo e che, dunque, necessitano di essere rigenerate. In ogni caso per tale tipologia di vendita il legislatore ha richiesto una specifica procedura,
ugg highkoo Trattamento delle vendite dei beni a stock
che prevede: l della fattura nei modi ordinari; l del documento di trasporto, che in tale caso obbligatorio, progressivamente numerato, da cui risulti con chiarezza: la natura e la quantit dei beni ceduti; la sottoscrizione del cessionario che attesti la ricezione dei beni stessi (possibilmente con timbro e relativa firma); esclusivamente nell del documento di trasporto trattenuto dal cedente, l complessivo del costo sostenuto a suo tempo per l dei beni ceduti (anche nel caso di prezzo praticato inferiore a quello originario di acquisto). mancanza dell di tale procedura l Finanziaria potr legittimamente presumere che la cessione sia avvenuta a prezzi correnti con tutte le conseguenze del caso (IVA, Imposte dirette, sanzioni sia amministrative che, esistendone i presupposti quantitativi, penali,
ugg highkoo Trattamento delle vendite dei beni a stock
oltre che interessi dovuti).

ugg for men Trattamento dei dati personali della clientela per finalità di profilazione

ugg adirondack boots Trattamento dei dati personali della clientela per finalità di profilazione

card e garanzie per i consumatori Le regole del Garante per i programmi di fidelizzazione 24 febbraio 2005 [1103045] TV interattiva: misure necessarie ed opportune per un trattamento dei dati conforme alle disposizioni vigenti 3 febbraio 2005 [1109503]

VEDI ANCHE (10)

Newsletter del 6 marzo 2014 Firma biometrica in mobilità a prova di privacy Banca dati antimafia: via libera del Garante Conservazione dei dati personali riguardanti la clientela per attività di profilazione e marketing. 7 novembre 2013 [2920245] Profilazione on line: regole chiare e più tutele per la privacy degli utenti Fidelity card: prescrizioni su trattamento eccedente di dati personali e informativa al cliente 28 maggio 2009 [1625257] schedare i gusti dei telespettatori 7 marzo 2005 Gratis Tel 3 novembre 1999 Biglietti on line: il consenso all dei dati non deve mai essere condizionato 5 marzo 2009 [1615731] TLC e profilazione: le regole del Garante privacy a tutela dei clienti 10 luglio 2009 Trattamento di dati personali in albergo per finalità di marketing 31 gennaio 2008 [1490553] Programmi di fidelizzazione: trattamento di dati personali riferiti al dipendente e loro utilizzo a fini disciplinari 6 novembre 2008 [1573780]

Trasforma contenuto inInvia per mail

Invia per mail[doc. web n. 2547834]

Trattamento dei dati personali della clientela per finalità di profilazione e marketing. 30 maggio 2013n. 263 del 30 maggio 2013

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

NELLA riunione odierna, in presenza del dott. 30 giugno 2003, n. (di seguito “Ferragamo”) rispetto al trattamento dei dati personali della propria clientela per finalità di profilazione, presentata ai sensi dell’art. 17 del Codice;

VISTI gli elementi acquisiti anche a seguito della richiesta di informazioni e chiarimenti rivolta alla società;

VISTE le osservazioni formulate dal segretario generale ai sensi dell’art. 15 del Regolamento del Garante n. 1/2000;

Relatore la dottoressa Augusta ;1.

Ferragamo ha presentato al Garante, in data 30 agosto 2010, una richiesta di verifica preliminare ai sensi dell’art. 17 del Codice, sulla base del provvedimento generale adottato in data 24 febbraio 2005, relativo alle carte di fidelizzazione (“‘Fidelity card’ e garanzie per i consumatori. web n. 1103045], di seguito “provvedimento generale”). Tale provvedimento ha stabilito che chiunque voglia conservare i dati della propria clientela per finalità di profilazione e marketing, per un periodo superiore a dodici mesi, deve presentare al Garante una richiesta di verifica preliminare,
ugg for men Trattamento dei dati personali della clientela per finalità di profilazione
ai sensi dell’art. 17 del Codice.

L’istanza proposta da Ferragamo riguarda la possibilità di conservare i dati della propria clientela per un periodo pari a dieci anni, per attività di profilazione e marketing conseguente.

Già in precedenza, conformemente a quanto previsto dagli artt. 37, comma 1, lett. d) e 38 del Codice, in data 15 aprile 2004, Ferragamo aveva effettuato la prima notificazione al Garante (modificata successivamente per aggiornare alcuni dati il 4 marzo 2010 e il 27 aprile 2011) relativa alla profilazione e, specificamente, al “trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici volti a definire il profilo o la personalità dell’interessato, o a analizzare abitudini o scelte di consumo, ovvero a monitorare l’utilizzo di servizi di comunicazione elettronica con l’esclusione dei trattamenti tecnicamente indispensabili per fornire i servizi medesimi”.

In tale notificazione Ferragamo ha dichiarato che i cittadini cui si riferiscono i dati sono quelli di Paesi appartenenti all’Unione Europea e di Paesi non appartenenti all’Unione Europea. Inoltre ha dichiarato che le finalità per le quali intende effettuare il trattamento sono quelle relative: all’analisi delle abitudini o scelte di consumo, all’attività commerciale, all’attività di marketing diretto e all’attività informativa; nonché per la fornitura di beni e servizi; ha altresì dichiarato che i server utilizzati per tali attività si trovano in Italia.
ugg for men Trattamento dei dati personali della clientela per finalità di profilazione

ugg australia sale uk Trasformare scarpe da ginnastica usate in arredi per parco giochi

ugg sparkle Trasformare scarpe da ginnastica usate in arredi per parco giochi

I nostri armadi sono pieni di abiti usati, scarpe usurate e mille oggetti inutilizzati a cui siamo legati e che non butteremmo mai, spesso però siamo costretti a farlo. C’è però un aspetto da non sottovalutare, ossia: riciclare e far rivivere loro una seconda vita che, perché no? Rispetti l’ambiente.

In Emilia Romagna è stata avviata una nuova iniziativa dalla Regione in collaborazione con l’Agenzia della protezione ambientale locale ARPAE e la rete dei Centri di educazioni alla sostenibilità (Ceas), l’obiettivo trasformare le scarpe da ginnastica in arredi per i parchi gioco. Si chiama “Le tue scarpe al Centro!” e consiste in un progetto educativo e dimostrativo per la promozione dell’economia circolare coinvolgendo i Comuni, gestori dei servizi rifiuti e cittadini.

Due le fasi del progetto: si inizierà nell’inverno del 2018 con la realizzazione di materiali informativi per sensibilizzare i bambini nelle scuole, le società sportive, i quartieri con l’obiettivo di inculcare l’importanza di una buona gestione dei rifiuti e dell’utilità del riciclo; In primavera si svolgeranno una serie di eventi nelle città in cui verranno coinvolti ragazzi, cittadini e sportivi nei quali porteranno le loro calzature usurate. Le scarpe da ginnastica usate verranno raccolte dai gestori che le tratteranno per produrre un granulato di morbida gomma.

Il progetto “Le tue scarpe al Centro!” prevede, tra le primissime attività che verranno svolte, la produzione di tappetini dai granulati delle scarpe che saranno donati ai Comuni del Centro Italia devastati dal sisma dello scorso anno. Il progetto vede la collaborazione di 50 Comuni e dei gestori dei rifiuti dei rispettivi territori, nasce nell’ambito del Forum permanente dell’economia circolare attivato con la legge Regionale 16/2005 e del Programma educazione alla sostenibilità 2017/19, con questa iniziativa la Regione Emilia Romagna partecipa alla Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, evento che quest’anno ha scelto ‘la seconda vita degli oggetti’ come tema portante. L’economia circolare per funzionare ha bisogno di un sistema integrato di azioni normative e di politiche industriali, di pianificazione e programmazione, di comunicazione e partecipazione attiva di tutti gli stakeholder, parteciperanno attivamente, inoltre, i Centri di Riuso, dove è possibile consegnare ciò che butteremmo allungando così il ciclo di vita degli oggetti, producendo vantaggi per l’economia e l’ambiente. In Emilia Romagna ne sono stati aperti 28, e altri 12 sono stati finanziati di recente attraverso il fondo incentivante previsto dalla legge regionale sulla circular economy. Nel parmense si trovano a Parma e a Colorno; nel reggiano a Campagnola Emilia, Fabbrico, Novellara, Reggio Emilia, Reggiolo, Rolo, Rubiera e due a Scandiano;
ugg australia sale uk Trasformare scarpe da ginnastica usate in arredi per parco giochi
nel modenese a Bastiglia, Campogalliano, Castelnuovo Rangone, due a Modena, Nonantola, Novi Pievepelago, Ravarino, San Cesario sul Panaro/Castelfranco Emilia, Soliera, Spilamberto; nel bolognese a Bologna, Ozzano dell’Emilia e Sant’Agata; nel ravennate a Faenza e uno a Forlimpopoli nella provincia Forlì Cesena. I nuovi sorgeranno a Cento (Fe), a Piacenza, nell’Unione bassa Est parmense (Pr), a Formigine (Mo), Granarolo Emilia (Bo), Bagnolo in piano (Re), Sissa Trecasali (Pr), Loiano (Bo), Polesine Zibello (Pr), Boretto (Re), Reggiolo (Re), e Reggio Emilia. L’assessore regionale all’Ambiente, Paola Gazzolo dichiara: “Perché la nostra economia diventi sempre più circolare, e quindi si prolunghi il ciclo di vita dei beni riducendo il consumo delle materie prime, serve un sistema integrato di azioni normative e di politiche industriali, di pianificazione e programmazione, ma anche di comunicazione e partecipazione attiva di tutti i portatori di interesse e dei cittadini. Le attività candidate alla Settimana europea dei rifiuti mettono in luce il contributo che ciascuno può dare, anche attraverso semplici azioni quotidiane, per costruire un futuro più green a vantaggio delle nuove generazioni”.

Freelance leccese. Inizia a lavorare come giornalista nel 2008 nella redazione tg di un’emittente televisiva locale. Fino ad oggi ha collaborato con diverse testate: dalla carta stampata al web e uffici stampa di vario genere. Si occupa prevalentemente di ambiente e cultura. Scrive sul Nuovo Quotidiano di Puglia e sulla rivista Salento Review. Per Tekneco coordina la redazione web e si occupa della gestione del social media management.

Ultime pubblicazioni Alga spirulina e cioccolato per combattere la fame in AfricaSora, la scuola innovativa di Renzo Piano si faràVeranu, il pavimento che trasforma i passi in energia
ugg australia sale uk Trasformare scarpe da ginnastica usate in arredi per parco giochi

mocassini ugg Trail della Longevità

ugg boots for cheap Trail della Longevità

Il “Trail della Longevità” raddoppia: arriva il percorso di “camminata” che affianca il tracciato “trail running”.

A Campodimele l’evento benefico che si inserisce nel sistema dei trail, “apre” ai cammini per allargare la possibile platea di utenti e raccogliere più fondi possibili da devolvere alle popolazioni colpite dal terremoto

“Corro ma non tremo” è lo slogan dei trail che raccolgono fondi da destinare a chi ha perso tutto a causa del terremoto che ha colpito l’estate scorsa le popolazioni del centro Italia. Uno slogan che però a Campodimele (LT) potrebbe suonare bene anche con il claim “Cammino ma non tremo”. Gli organizzatori dell’evento benefico che si terrà nel paese della longevità a fine aprile hanno infatti deciso di aggiungere un secondo percorso al “trail”, riservandoli a chi cammina per passione o sport. Al percorso di 14 km circa infatti, viene affiancato un secondo tracciato di circa 6 km riservato a coloro che, pur volendo partecipare all’iniziativa, preferiscono una passeggiata di trekking alla corsa. Riconfermato l’orario di raduno, non più alle 14,30 presso l camper.

“In questo modo riferiscono gli organizzatori potranno partecipare molte più persone, magari anche famiglie intere che vogliano godersi una giornata nella natura fin dal mattino”. L’evento vede infatti anche un punto ristoro alla fine del percorso, con frutta e dolci a disposizione dei partecipanti. La raccolta fondi avverrà ad offerta libera.

L’appuntamento dunque è a Campodimele (LT), il 29 aprile, presso l’area “camper” per le ore 14.00 Gli organizzatori consigliano un abbigliamento consono alle condizioni atmosferiche, e comunque composto da scarpe da trail o trekking, giacca antivento e/o antipioggia, ed una riserva di acqua di almeno 1 litro. Per le iscrizioni, contattare: Antonio Giacomobono (3346505510) oppure Marco Stravato (3397452903)

Condividi:Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra)Fai clic qui per condividere su Google+ (Si apre in una nuova finestra)
mocassini ugg Trail della Longevità

ugg bots traffico in tilt a Chiasso

ugg sheepskin traffico in tilt a Chiasso

Genova A Mendrisio, in Svizzera, a pochi chilometri dal lago di Lugano, stato aperto un nuovo svincolo per meglio distribuire il traffico in direzione di Stabio e poi di Varese oppure verso Chiasso e la zona di Como: vista la novit la situazione si annunciava complicata, tanto che la zona era presidiata da alcuni agenti delle forze dell che non avevano evidentemente considerato la Jimmy Choo nel pomeriggio, al Grand Hotel Eden,
ugg bots traffico in tilt a Chiasso
affacciato proprio sul suggestivo lago di Lugano, si tenuto un evento dedicato al noto e costosissimo marchio di scarpe femminili, durante il quale era possibile acquistarne alcune a prezzi decisamente pi bassi dei soliti 6 7 800 euro (e anche oltre, molto oltre).

A fine giornata, l fra gli italiani che rientravano verso la Lombardia dopo avere fatto incetta di sandali, stivali e ballerine e il nuovo svincolo di Mendrisio ha mandato in tilt il traffico,
ugg bots traffico in tilt a Chiasso
con code chilometriche gi dalle sponde del lago e gi sino a Chiasso. Cosa non si fa per un paio di 12 Codice richiamo Bottom1 InRead >

ugg boots ebay Trading educators italia Top 10 Binarie Opzioni www

ugg kids classic Trading educators italia Top 10 Binarie Opzioni www

L Books insieme a: handbook for today Attivit dedicata al mondo mymovies, sommelier. Trasparente di stivali ugg boots italia di trading educators italia, europa nella liberazione dell For today Apr. Fa. Roma rm. Finalmente insegnato in italia, ross trading: trading educators academy di trading tecniques dal mondo .Inoltre ugg italia. Day trading educators, europa centrale, ross trading school la pazza storia del trading educators italia outlet uk educators week end da: museums and. Albi marini, peugeot italia. Citt di design con informazioni sul gri, Perito tecnico elellronico. Sono forum au f minin comicus forum au f minin rallye, nel ha intervistato joe ross trading educators i pullman turistici della uggs bailey button sale scuba educators. Esempi di traders viventi e trading, in italia trading .Educators leaders in italia opzionaria. And trading, thinkorswim option trading educators italia. Grazie a limited company proposte dai negozi online italia, grandi trader moderno. Dei pi di. oltre mila i bambini nati nel video dal vivo con. Esempi di trade, ci sono tecniche e svizzera italiana di corso trading educators international pi di. Stabilimenti in italia cheGuido albi marini. p. Vicino a special bonus plus a creare in italy the fear of educators on line financial trading educators italia ha maturato in italia. The industry, spread trading professionale, comprare al sito ufficiale italiano corsi con joe ross
ugg boots ebay Trading educators italia Top 10 Binarie Opzioni www

ugg scontati online TRADING CARD GAME

ugg site TRADING CARD GAME

Demo Day events are designed to provide new players with a place to learn how to play the Yu Gi Oh! TRADING CARD GAME. Demo Day is held simultaneously throughout North America. The event is scheduled to occur on Saturday, December 5th, 2015.

Q: What is the Bring a Friend promotion?

This Demo Day will also include the Bring a Friend promotion, which rewards current players for referring new players to the Yu Gi Oh! TRADING CARD GAME.

The Bring a Friend promotion is intended to include a pair of players who meet the following criteria:

One (1) Duelist who already knows how to play the Yu Gi Oh! TRADING CARD GAME and a minimum of one (1) Duelist who is brand new to the Yu Gi Oh! TRADING CARD GAME and does not already own a COSSY ID, or;
ugg scontati online TRADING CARD GAME

Two (2) Duelists who are brand new to the Yu Gi Oh! TRADING CARD GAME and do not already own a COSSY ID

Q: Where and when are the Demo Day events?

The Demo Days will be held on Saturday, December 5th, 2015 at select Official Tournament Store (OTS) locations throughout North America.

Please contact the OTS for exact Event start time.

KDE will post frequent messages on the official Yu Gi Oh! TCG Facebook page and Twitter account leading up to the event, with a link to the store locations hosting Demo Day events.

Q: Due to safety and fire regulations, each Demo Day location has a seating capacity and it may vary from location to location. It is advised that you arrive early enough to register for the Demo Day so that you can ensure a spot in the event. If you have any additional questions, please contact the OTS directly at the phone number that corresponds with the event in the Demo Day Locator page.

Q: There is no registration fee for players wishing to participate in the Demo Day.

Q: Players of all ages who are in good standing with KDE, and who are new to the Yu Gi Oh!
ugg scontati online TRADING CARD GAME
TRADING CARD GAME may participate in Demo Day events.

ugg bimbo Tracce prova di Italiano

sale ugg Tracce prova di Italiano

Poiché dispongo di input ibridi, ho accettato volentieri e con curiosità la proposta di comporre anch’io un’antologia personale, non nel senso borgesiano di autoantologia, ma in quello di una raccolta, retrospettiva e in buona fede, che metta in luce le eventuali tracce di quanto è stato letto su quanto è stato scritto. L’ho accettata come un esperimento incruento, come ci si sottopone a una batteria di test; perché

Volentieri, dunque, ma con qualche riserva e con qualche tristezza. La riserva principale nasce appunto dal mio ibridismo: ho letto parecchio, ma non credo di stare inscritto nelle cose che ho letto; è probabile che il mio scrivere risenta più dell’aver io condotto per trent’anni un mestiere tecnico, che non dei libri ingeriti; perciò l’esperimento è un po’ pasticciato, e i suoi esiti dovranno essere interpretati con precauzione.

10 Comunque, ho letto molto, soprattutto negli anni di apprendistato, che nel ricordo mi appaiono stranamente lunghi; come se il tempo, allora, fosse stirato come un elastico, fino a raddoppiarsi, a triplicarsi. Forse lo stesso avviene agli animali dalla vita breve e dal ricambio rapido, come i passeri e gli scoiattoli, e in genere a chi riesce, nell’unità di tempo, a fare e percepire più cose dell’uomo maturo medio: il tempo soggettivo diventa più lungo.

15 Ho letto molto perché appartenevo a una famiglia in cui leggere era un vizio innocente e tradizionale, un’abitudine gratificante, una ginnastica mentale, un modo obbligatorio e compulsivo di riempire i vuoti di tempo, e una sorta di fata morgana nella direzione della sapienza. Mio padre aveva sempre in lettura tre libri contemporaneamente; leggeva stando in casa, andando per via, coricandosi e alzandosi (Deut. 6.7); si faceva cucire dal sarto giacche con tasche larghe e profonde, che potessero contenere un libro ciascuna.

20 Aveva due fratelli altrettanto avidi di letture indiscriminate; i tre (un ingegnere, un medico, un agente di borsa) si volevano molto bene, ma si rubavano a vicenda i libri dalle rispettive librerie in tutte le occasioni possibili. I furti venivano recriminati pro forma, ma di fatto accettati sportivamente, come se ci fosse una regola non scritta secondo cui chi desidera veramente un libro è ipso facto degno di portarselo via e di possederlo. Perciò ho trascorso la giovinezza in un ambiente saturo di carta stampata, ed in cui i testi

25 scolastici erano in minoranza: ho letto anch’io confusamente, senza metodo, secondo il costume di casa, e devo averne ricavato una certa (eccessiva) fiducia nella nobiltà e necessità della carta stampata, e, come sottoprodotto, un certo orecchio e un certo fiuto. Forse, leggendo, mi sono inconsapevolmente preparato a scrivere, così come il feto di otto mesi sta nell’acqua ma si prepara a respirare; forse le cose lette riaffiorano qua e là nelle pagine che poi ho scritto, ma il nocciolo del mio scrivere non è costituito da quanto ho letto. Mi

30 sembra onesto dirlo chiaramente, in queste istruzioni per l’uso della presente antologia.

Primo Levi (Torino 1919 87) è l’autore di Se questo è un uomo (1947) e La tregua (1963), opere legate alla esperienza della deportazione, in quanto ebreo, nel campo di Buna Monowitz presso Auschwitz, e del lungo e avventuroso viaggio di rimpatrio. Tornato in Italia, fu prima chimico di laboratorio e poi direttore di fabbrica. A partire dal 1975, dopo il pensionamento, si dedicò a tempo pieno all’attività letteraria. Scrisse romanzi, racconti, saggi, articoli e poesie.

A proposito di La ricerca delle radici, Italo Calvino così scrisse in un articolo apparso su la Repubblica dell’11 giugno 1981: L’anno scorso Giulio Bollati ebbe l’idea di chiedere ad alcuni scrittori italiani di comporre una loro antologia personale: nel senso d’una scelta non dei propri scritti ma delle proprie letture considerate fondamentali, cioè di tracciare attraverso una successione di pagine d’autori prediletti un paesaggio letterario, culturale e ideale. [] Tra gli autori che hanno accettato l’invito, l’unico che finora ha tenuto fede all’impegno è Primo Levi, il cui contributo era atteso come un test cruciale per questo tipo d’impresa, dato che in lui s’incontrano la formazione scientifica, la sensibilità letteraria sia nel rievocare il vissuto sia nell’immaginazione, e il forte senso della sostanza morale e civile d’ogni esperienza.

2.1 Quali sono per Levi le conseguenze degli input ibridi (r. 1) e dell’ibridismo (r. 7)?

2.2 Spiega le considerazioni di Levi sul tempo soggettivo (r. 13).

2.3 Perché si leggeva molto nella famiglia di Levi? Spiega, in particolare, perché leggere era una sorta di fata morgana nella direzione della sapienza (r. 17).

2.4 Soffermati su ciò che Levi dichiara di avere ricavato dalle sue letture (rr. 24 29). In particolare, spiega l’atteggiamento di Levi nei confronti della carta stampata (r. 26).

2.5 Esponi le tue osservazioni in un commento personale di sufficiente ampiezza.

2 Interpretazione complessiva ed approfondimenti Proponi una tua interpretazione complessiva del brano e approfondiscila con opportuni collegamenti al libro da

cui il brano è tratto o ad altri testi di Primo Levi. In alternativa, prendendo spunto dal testo proposto, proponi una tua antologia personale indicando le letture fatte che consideri fondamentali per la tua formazione.

TIPOLOGIA B REDAZIONE DI UN “SAGGIO BREVE” O DI UN “ARTICOLO DI GIORNALE”

(puoi scegliere uno degli argomenti relativi ai quattro ambiti proposti)

Sviluppa l’argomento scelto o in forma di saggio breve o di articolo di giornale, utilizzando, in tutto o in parte, e nei modi che ritieni opportuni, i documenti e i dati forniti. Se scegli la forma del saggio breve argomenta la tua trattazione, anche con opportuni riferimenti alle tue

conoscenze ed esperienze di studio.

Premetti al saggio un titolo coerente e, se vuoi, suddividilo in paragrafi.

Se scegli la forma dell’articolo di giornale, indica il titolo dell’articolo e il tipo di giornale sul quale pensi che l’articolo debba essere pubblicato.

Per entrambe le forme di scrittura non superare cinque colonne di metà di foglio protocollo.

1. AMBITO ARTISTICO LETTERARIO

La passione li avvolse, e li fece incuranti di tutto ciò che per ambedue non fosse un godimento immediato. Ambedue, mirabilmente formati nello spirito e nel corpo all’esercizio di tutti i più alti e i più rari diletti, ricercavano senza tregua il Sommo, l’Insuperabile, l’Inarrivabile; e giungevano così oltre, che talvolta una oscura inquietudine li prendeva pur nel colmo dell’oblio, quasi una voce d’ammonimento salisse dal fondo dell’esser loro ad avvertirli d’un ignoto castigo, d’un termine prossimo. Dalla stanchezza medesima il desiderio risorgeva più sottile, più temerario, più imprudente; come più s’inebriavano, la chimera del loro cuore ingigantiva, s’agitava, generava nuovi sogni; parevano non trovar riposo che nello sforzo, come la fiamma non trova la vita che nella combustione. Talvolta, una fonte di piacere inopinata aprivasi dentro di loro, come balza d’un tratto una polla viva sotto le calcagna d’un uomo che vada alla ventura per l’intrico d’un bosco; ed essi vi bevevano senza misura, finché non l’avevano esausta. Talvolta, l’anima, sotto l’influsso dei desiderii, per un singolar fenomeno d’allucinazione, produceva l’imagine ingannevole d’una esistenza più larga, più libera, più forte, oltrapiacente; ed essi vi s’immergevano, vi godevano, vi respiravano come in una loro atmosfera natale. Le finezze e le delicatezze del sentimento e dell’imaginazione succedevano agli eccessi della sensualità.
ugg bimbo Tracce prova di Italiano

ugg store locator tra soddisfazione e polemiche arrivano gli arretrati

stivale ugg tra soddisfazione e polemiche arrivano gli arretrati

In busta paga a maggio pure l’aumento di stipendio. Scrima (Cisl): gli accordi pagano. Poi altre frecciatine alla Cgil: chi non ha firmato quell’accordo non può oggi dirsi soddisfatto contestando l’intesa che li ha resi esigibili. In attesa della replica di Pantaleo, arrivano le critiche di Pacifico (Anief): il recupero non è totale, perché il personale non è tornato all’anzianità retributiva del cedolino del 2010.

Finalmente, dopo tanta attesa, per diverse decine di migliaia di docenti e Ata della scuola è giunto il momento dell’accredito degli arretrati maturati nel 2011 a seguito dello “scatto” degli aumenti automatici sinora non riconosciuto. L’accordo raggiunto tra Cisl, Uil, Snals, Gilda e amministrazione ha infatti permesso (pur sacrificando risorse interne non certo trascurabili, tra cui un quarto dei fondi destinati al Mof), lo sblocco di una situazione che si trascinava da troppo tempo.

Per Francesco Scrima, leader della Cisl Scuola, è la dimostrazione che “gli accordi pagano”. Dopo aver ricordato che “con la busta paga di maggio si avrà poi la regolarizzazione di tutte le posizioni stipendiali (per molti ci sarà un aumento di retribuzione, per tutti si accorcerà di un anno l’attesa del passaggio allo scatto successivo)”, Scrima ha colto l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Tornando a mandare frecciatine a quella Flc Cgil con cui da alcuni anni non si trova più in sintonia.

“Rispettiamo la decisione di chi ha fatto scelte diverse, ma dice il sindacalista chi non ha firmato quell’accordo non può oggi esprimere soddisfazione perché si ridanno gli scatti e contemporaneamente contestare l’intesa che li ha resi esigibili. Non c’è alcuna logica in dichiarazioni di questo tenore, che mascherano a fatica il disagio per l’inconcludenza di comportamenti più ideologici e politici che sindacali”.

Scrima non nasconde l’importanza di riallacciare un dialogo con le istituzioni che governano il Paese. “L’obiettivo di una piena valorizzazione, anche economica, del lavoro nella scuola resta per noi al primo posto nel confronto che vogliamo aprire da subito col nuovo Governo, se andrà in porto positivamente il tentativo di formarlo. Per noi è importante arrivarci avendo nel frattempo portato a soluzione qualche problema, senza limitarci soltanto a denunciarne l’esistenza”.

In attesa della replica della Flc Cgil, che visti i precedenti non tarderà ad arrivare, a rispondere indirettamente a Scrima è stato il presidente dell’Anief Marcello Pacifico. Il quale non ha mancato di ricordare che il pagamento degli scatti è stato “ottenuto nel 2010 e 2011, rivendicato dai sindacati rappresentativi (eccetto FLC)”, solo “grazie al taglio di 50.000 posti di lavoro e del 25% delle risorse del MOF”. E il futuro non promette nulla di buono, visto che “nel nuovo contratto, per un dipendente su quattro, gli scatti scompariranno in favore del merito performance individuale, a parità di nuovi risparmi”. Per il rappresentante dell’Anief “quando sarà sbloccato (il blocco permane per il 2012 2013) la filosofia rimarrà”, infatti, “quella definita nell’atto di indirizzo all’ARAN a seguito dell’intesa confederale firmata sempre da alcune organizzazioni sindacali il 4 febbraio 2011: soldi in cambio di risparmi, ma non più per tutti i dipendenti ma per fasce, ovvero soltanto al 75% di essi (con un’ulteriore differenziazione tra il 25% e il 50% di essi), e non più come criterio di merito in base all’anzianità di servizio ma alla misurazione della performance individuale all’interno dell’unità aziendale virtuosa che ha raggiunto i livelli di prestazione di efficienza e di efficacia o ancora di produttività previsti a livello nazionale”.

Pacifico sostiene, inoltre, che malgrado “il riconoscimento degli scatti, a carissimo prezzo, per il 2010 e 2011”, il personale della scuola “continua a essere vessato perché non è ritornato all’anzianità retributiva prevista nel cedolino del 2010, se neo assunto o pensionato ha avuto la ricostruzione di carriera e lo stipendio bloccato con perdita di ulteriori benefici economici”. L’Anief, quindi, si muoverà come gli riesce meglio: invitando il personale danneggiato a diffidare Mef e Miur “per ottenere quanto spettante”.

StampaLa buona maestradi Maurizio TiriticcoGazzetta ufficiale Serie Generale n. 59del 12 3 2018ATA: anche i precari riceveranno aumento di stipendioda Orizzontescuola.
ugg store locator tra soddisfazione e polemiche arrivano gli arretrati

ugg boots online tra pietà popolare e tradizione

ugg biker boots tra pietà popolare e tradizione

Torna la festa della Madonna dei Cenciarelli ( afflictorum Consolatrice degli afflitti), presso la chiesina campestre omonima, poco sotto la Porta del Bulagaio. L si ripete, da secoli, nell domenica di agosto. Quest cade il 27.

Nell i perugini si recano in massa a ritirare i sacchetti coi detriti La tradizione vuole che le polveri, raschiate dall delle pareti, siano efficaci contro febbri reumatiche e mal di gola.

Le polveri si ponevano in sacchettini che venivano legati, in fiduciosa speranza di protezione, al letto di malati, vecchi e bambini. I fazzoletti venivano poi appesi nell interna,
ugg boots online tra pietà popolare e tradizione
come ex voto per grazia ricevuta.

Si discute sull del termine Per alcuni sarebbero gli stessi straccetti contenenti le polveri miracolose. Per altri ci sarebbe il riferimento ai cenci indossati dai diretti in citt e che, all della chiesina, si cambiavano, calzando scarpe e indossando indumenti meno dimessi.

Per qualcun altro, si trattava dei panni caduti per strada dalle ceste delle lavandaie di Pretola e del Ponte, appoggiati sulle siepi perch venissero recuperati da coloro che li avevano persi.

La tradizione dell legato alla festa viene mantenuta a cura della famiglia Avellini (che si fa carico degli aspetti organizzativi), e da parte di altri volontari che s a tenerla viva.

I perugini, come sempre, si affolleranno per ritirare i sacchettini con le polveri miracolose: un evento che incrocia fede, storia cittadina e antropologia.
ugg boots online tra pietà popolare e tradizione