ugg sito ufficiale notizie da Lecco e provincia Un progetto di ricerca internazionale per calzature di nuova generazione

ugg australia sale notizie da Lecco e provincia Un progetto di ricerca internazionale per calzature di nuova generazione

Lo scorso anno la sezione di Lecco di ANMIL Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro, ha donato al Polo territoriale di Lecco la somma di 15.000 da investire in ricerca sulla tematica della prevenzione degli infortuni sul lavoro con un focus sui danni provocati da prolungata esposizione a vibrazioni.

L’attività, nello specifico, si è focalizzata sulla comprensione di come le vibrazioni si trasmettono al corpo tramite i piedi, in modo da identificare le caratteristiche ideali delle calzature antinfortunistiche di nuova generazione. Le calzature, oltre a proteggere da urti e perforazioni, integreranno sensori in grado di misurare e segnalare soglie di rischio legate a vibrazioni eccessive, che possono portare a sindromi degenerative sia di tipo vascolare che muscolo scheletrico.

La prima fase della sperimentazione è stata focalizzata allo studio dei meccanismi di trasmissione delle vibrazioni nel piede. I test sono stati eseguiti presso il Laboratorio Misure Meccaniche e Termiche del Polo di Lecco, imponendo vibrazioni al piede e leggendo la risposta mediante un vibrometro laser a scansione.

La sperimentazione si è protratta per oltre due mesi, a cui sono seguiti altri tre mesi per l’analisi dei dati, effettuata in maniera congiunta tra Politecnico di Milano e Laurentian University Canada.

I risultati della ricerca verranno presentati alla sesta conferenza mondiale sulle vibrazioni di tipo corpo intero, che si terrà a Goteborg nel giugno del 2017, nonché su riviste specifiche nel settore dell’ergonomia e dell’igiene industriale.

I risultati

I risultati ottenuti sono incoraggianti: le misure hanno mostrato dei meccanismi di trasmissione delle vibrazioni che suggeriscono la progettazione di calzature con caratteristiche diverse tra punta e tallone.

Anche per quanto riguarda i materiali, i risultati dei test sono decisamente interessanti: non sempre la soletta che gli utenti giudicano “più confortevole” è quella che attenua di più le vibrazioni. Ne deriva che la maggior parte delle calzature disponibili in commercio non siano ottimizzate per ridurre le vibrazioni trasmesse a sportivi e lavoratori.

I prossimi passi

Il piano di lavoro prevede quindi di agire sulle calzature per ridurre il rischio della patologia del dito bianco al piede; per far ciò sarà necessario progettare e sviluppare un banco prova per la misura della trasmissibilità delle vibrazioni nelle suole delle scarpe.

In questa direzione, Politecnico di Milano con Vibram SpA e altri partner industriali ha ottenuto un finanziamento di 800.000 da Regione Lombardia nell’ambito del progetto “Smart Fashion and Design” per uno studio intitolato “Sistema di monitoraggio dell’esposizione alle vibrazioni per suole e solette con analisi di big data per miglioramento di sicurezza e confort”.

Questa esperienza dimostra come i finanziamenti pubblici alla ricerca negli ultimi anni siano stati affiancati da un numero sempre crescente di finanziamenti da parte di privati o di enti. La ricerca effettuata in Italia rimane di altissimo valore e molto spesso iniziative lodevoli da parte di enti finanziatori innescano a circoli virtuosi che possono portare a risultati di grande rilievo.

“La fiducia e la volontà di ANMIL Lecco di investire in ricerca ci è servita da sprone afferma il prorettore uscente Marco Bocciolone per iniziare un’attività che in breve tempo ha saputo intercettare importanti finanziamenti e valorizzare competenze e risultati, aprendo la strada a un progetto internazionale molto ambizioso. Ringrazio quindi il presidente Giuseppe Barlassina per avermi contattato e aver offerto al Polo di Lecco questa opportunità”

Il Presidente provinciale di ANMIL Onlus Lecco, Giuseppe Barlassina, aggiunge: “Sono estremamente fiero a nome di tutta l’ANMIL provinciale di Lecco di aver potuto contribuire a un così importante passo avanti per la prevenzione delle malattie professionali, a cui è esposto il 24% dei lavoratori italiani.

I risultati raggiunti dalla ricerca e le considerazioni espresse dai ricercatori del Politecnico mi rendono ancora più soddisfatto in ragione della genesi di questo nostro contributo: per sostenere questa ricerca ANMIL Lecco ha infatti utilizzato la somma proveniente dalla donazione della signora Colombo Vincenza, vedova Riva, che nel suo lascito mi aveva espresso la volontà che parte dei fondi venissero usati per la ricerca applicata alla prevenzione delle malattie professionali, proprio quelle malattie che avevano purtroppo colpito il marito quando era in vita. Prospettando questa nostra intenzione al professor Marco Bocciolone Prorettore del Politecnico, abbiamo da subito riscontrato la sua volontà di effettuare un dottorato di ricerca che abbiamo volentieri sostenuto.

Le malattie professionali, che stanno diventando una piaga sempre più rilevante per quanto riguarda i costi sociali e le sofferenze dei lavoratori colpiti dalle stesse, possono essere prevenute, a differenza dei sinistri mortali o gravissimi, spesso legati a eventi imponderabili. Riteniamo che la prevenzione sia un nostro dovere, almeno proviamoci.”.
ugg sito ufficiale notizie da Lecco e provincia Un progetto di ricerca internazionale per calzature di nuova generazione