ugg gloves 10 comandamenti per aumentare le vendite

stivali australiani ugg 10 comandamenti per aumentare le vendite

Jeffrey Gitomer è un venditore nato, un uomo che riuscirebbe a vendere anche il ghiaccio al Polo Nord. Ha scritto numerosi testi dedicati alle tecniche di vendita e nel famoso “libretto rosso del grande venditore”, un must per tutti gli addetti ai lavori, riunisce ben 99,5 soluzioni per guadagnare. Anzi, per guadagnare sempre di più.

In altre parole, Jeffrey Gitomer ci guida nel difficile percorso per diventare dei venditori vincenti, e ci spiega come aggirare tutte le difficoltà che rovinano la nostra scalata verso il successo. Uno dei concetti che ama ripetere è fondamentale nella sua semplicità: “alla gente non piace che gli si venda qualcosa, ma adora comprare”.

Questa è solo una delle tante perle di saggezza una delle più famose che arricchiscono i seminari di Gitomer. Io ho avuto la fortuna di partecipare a uno di questi eventi e ho deciso di riassumere la mia esperienza in questi dieci consigli per vendere, vendere e ancora vendere.

1. Pensa positivo Ti ricordi lo slogan di Obama durante la sua campagna per le presidenziali: il suo motto vincente era Yes, we can. Per riuscire nelle tue vendite devi trasmettere positività, devi essere sicuro delle tue azioni e, soprattutto, credere in te stesso: se non lo fai tu perché dovrebbero farlo i tuoi clienti?

2. Impara i numeri O meglio, impara i numeri che ti porteranno al successo e seguili fino in fondo. Perché i numeri ti aiutano a raggiungere le vette più alte: quanti appuntamenti ti servono per fare un’offerta? Quante offerte ti servono per fare una vendita? Quante vendite ti servono per raggiungere il tuo obiettivo? Impara e segui i numeri!

3. Fidelizza Meglio una moglie/marito soddisfatta/o (magari da altri) o fedele? La risposta è semplice e si orienta verso la seconda opzione. Per riuscire ad aumentare le vendite devi fidelizzare i tuoi clienti, e per farlo devi diventare una risorsa indispensabile. Una risorsa capace di trovare idee e di risolvere problemi al momento giusto.

4. Diventa amico Questo è un passo fondamentale, ma anche difficile da muovere. Per diventare amico del tuo cliente devi essere sincero e pronto ad aiutarlo, devi anticipare le sue necessità e poi andare oltre: chiamarlo anche quando non c’è una vendita invista, ricordarti del suo compleanno, risolvi piccoli problemi che non riguardano il lavoro

5. Dai il massimo L’entusiasmo è una componente fondamentale per migliorare le vendite. Solo quando c’è questo ingrediente nell lavorativa riesci a dare il massimo di te stesso, a superare gli ostacoli più grandi che ti separano dall da raggiungere.

6. Persevera nella vendita Il primo appuntamento è andato male? Fissane subito un altro, e poi un altro ancora, fin quando ti viene data la possibilità di perseverare. Chi si arrende al primo “no” è destinato a non migliorare le proprie vendite, chi insiste (senza esagerare) prima o poi raggiungerà il suo risultato.

7. Lavora sul passaparola Ovvero su una delle grandi risorse che utilizziamo per prendere delle decisioni, sia nella vita reale che sul web. Quando un cliente è soddisfatto del tuo lavoro non aver paura di chiedere al cliente un amico, un conoscente o un collega che ha bisogno del tuo lavoro.

8. Devi conoscere tutto Ovviamente tutto quello che riguarda il prodotto che stai vendendo, ma non solo: per dare una possibilità in più alle tue vendite devi conoscere anche l’azienda del tuo cliente. Basta un giro di telefonate, o meglio ancora una sfogliata ai risultati di Google, per raccogliere tutte le informazioni necessarie per arrivare pronto al tuo appuntamento di vendita.

9. I tuoi clienti sono delle celebrità E li devi trattare al massimo, come se fossero delle celebrità. Immagina se in un negozio entrasse George Clooney: la commessa lo tratterebbe come un cliente qualsiasi? Non credo: lo tratterebbe come un cliente speciale gli dedicherebbe tempo e attenzioni particolari e tu devi fare lo stesso. Perché questa è la chiave di tutto: i tuoi clienti sono speciali, e tu glielo devi far capire.

10. Divertiti Questo è il segreto per riuscire nel tuo lavoro: devi divertirti. La tua giornata di lavoro non deve essere un sacrificio, non deve essere un susseguirsi di ore che si snocciolano come un conto alla rovescia. Il tuo lavoro deve essere sinonimo di divertimento, e devi essere felice di iniziare una nuova giornata. Lo so che è difficile, ma questo è il segreto per vendere alla grande.

E tu cosa ne pensi di questi consigli? Qual è la tua ricetta per aumentare le vendite? Lascia le tue idee nei commenti e parliamone insieme!

Autore: Stefano Grini di Monujo applicazione web gratuita per la gestione del proprio bilancio familiare per il TagliaBlog.

natascia 4 dicembre 2013

sono 23 anni che sono in giro a vendere e quanto mi appartengono queste definizioni del lavoro del venditore io sto bene a casa con i miei bambini ma quando devo tornare dal lavoro proprio sto male mi piace proprio stare con i miei clienti loro conosco tutto i problemi personali le malattie i problemi fiscali mi cercano non solo per consigli su quello che posso vendergli (vendo attrezzatura per auto) ma anche per altre cose l unica cosa che non sopportavo era quella di avere alle spalle un azienda (ora mezza fallita) che pensava solo a come fregare i clienti non non faceva per me da 5 anni ho un azienda tutta mia ho grossi obiettivi perché comunque ho famiglia ma ho grandi clienti!!!

michele 8 febbraio 2014

i consigli sono ottimi io ho 35 anni e sto x iniziare la vita del venditore fin ora ho fatto l anche se con grosse responsabilita come responsabile di produzione , capo reparto ed altro pero la cosa che mi riesce meglio e propormi e stare con la gente ,e il sapermi far volere bene da tutti ,come con l e la sincerita che nn tutti hanno. Con questo voglio risp a colui che a detto che il buon venditore , vende anche il prodotto piu scadente, ma secondo me ,nn dura tanto xche oggi con tutti i mezzi di comunicazione che ci sono la gente sa tutto o quasi, e quando si è accorta della fregatura, fa un passaparola ,
ugg gloves 10 comandamenti per aumentare le vendite
si ma al negativo e il venditore è spacciato, GARANTITO. QUINDI CON I CLIENTI MASSIMA SINCERITA ONESTA COMPRENSIONE E PAZIENZA TANTA PAZIENZA .

stivali ugg estivi 3 obiezioni dal Governo

ugg joslyn 3 obiezioni dal Governo

INTERVISTA Ciocchetti: mio piano rilancer l’edilizia casa e l’edilizia riparte Luciano Ciocchetti: nessuna forzatura. ha scelto lo scontro Nel dibattito sul Piano casa interviene, dopo Giovanna Melandri e Esterino Montino, Luciano Ciocchetti, vicepresidente Udc e estensore del testo. l’edilizia. Galan cerca lo scontro parlato tutti, o quasi. Adesso tocca a lui, Luciano Ciocchetti, vicepresidente Udc della Regione, assessore all’Urbanistica: l’uomo che ha scritto il tanto contestato dal ministro Galan e dall’opposizione Piano casa.

Perch quella legge, per voi, tanto importante? in moto l’edilizia, la principale industria del territorio. C’ un solo modo per farlo: riqualificare quello che gi esiste. Le nuove costruzioni sono ferme, gli appalti pure e non si pu continuare a consumare terreno libero le piste da sci e i porti turistici, che c’entrano? legge una cornice normativa, solo un veicolo. Anche il Piano casa del centrosinistra si chiamava, in realt “Legge di sviluppo dell’edilizia”. O facevamo cos oppure avremmo dovuto modificare 11 leggi urbanistiche non lo avete fatto? motivi di tempo e per la difficolt che c’ in consiglio regionale di far approvare le leggi politiche? in generale. Abbiamo fatto come il governo, quando emana quei decreti omnibus: anzi, la nostra legge almeno omogenea come argomenti. Con la crisi, bisogna semplificare anche ai vincoli paesaggistici? momento. Noi siamo l’unica regione d’Italia che ha il piano territoriale paesaggistico adottato ma non approvato. uno strumento imperfetto: ci sono 18 mila osservazioni dei Beni culturali, errori evidenti, sentenze passate in giudicato, regole che lasciano spazio all’interpretazione. Il 95% del nostro territorio vincolato buon motivo per forzare le regole? forzatura. La legge 24 del 1998, gi prevedeva, d’intesa col Mibac, deroghe per opere di interesse pubblico: strade, universit attivit turistiche i porti? vero che vogliamo fare 60 approdi. Alcuni progetti gi c’erano, noi li abbiamo fermati tutti: al ministero, la dottoressa Federica Galloni (soprintendente regionale, ndr) lo sa bene. L’unico porto autorizzato da noi quello di Anzio. C’ una cabina di regia del mare, che decider i porti compatibili pista al Terminillo? proposta della Provincia di Rieti, governata dal centrosinistra, appoggiata dalla giunta Marrazzo, che ha stanziato 20 milioni di euro. Si tratta di razionalizzare impianti che gi esistono, non da costruire ex novo Montino dice che, se stralciato il progetto dal Piano casa, il Pd pronto a votarlo. che significa? Non era incostituzionale quell’articolo? Noi non vogliamo stravolgere il nostro Piano: se si tratta di cambiare qualche parola un conto, cambiarlo tutto no Galan ha reagito cos male? scelto lo scontro politico, non il confronto tecnico. Gli hanno raccontato cose false anche del ministero, e tecnici. Tutti i ministri dei Beni culturali, tranne Veltroni, sono stati succubi della lobby delle soprintendenze. Insieme ai giudici, l’unico potere discrezionale in Italia la possibile sanatoria del Salaria Sport Village? un’inchiesta della Procura in corso. Decider il giudice se il Salaria un abuso o no, ma se lo fosse non potrebbe essere sanato dalla legge regionale

INTERVISTA Montino superficiale e distratta Esterino Montino critica Giovanna Melandri: accuse? Superficiali risveglio stato traumatico. Letta l’intervista di Giovanna Melandri sul Corriere ( Piano Casa il Pd in Regione doveva essere pi vigile le parole dell’ex ministro), Esterino Montino, capogruppo dei democratici alla Pisana, ex vicepresidente e poi ex reggente dopo lo scandalo trans che invest Piero Marrazzo, era furibondo. Poi, piano piano, la rabbia sbollita e ha lasciato spazio al ragionamento.

Montino, sentito la Melandri? Dovevate alzare di pi la voce sul Piano casa. dice una cosa sbagliata, ha parlato con superficialit dimostrando di non conoscere cosa successo sul Piano casa cosa successo? nostra battaglia iniziata un anno fa e il provvedimento arrivato in consiglio a fine luglio, dopo 10 mesi: abbiamo presentato 700 emendamenti, ci hanno accusato di fare ostruzionismo. Ad essere distratta la Melandri, non noi. l’ex ministro vi critica? fare vedere che c’ ancora. Lei scomparsa da circa due anni e sa perfettamente che fa pi notizia attaccare la propria parte politica che gli avversari. Dovremmo smetterla di darci addosso l’uno con l’altro. vero che la richiesta di impugnativa del Piano casa partita dai Verdi, e non dal Pd? ricorso partito da loro. Poi ce lo hanno sottoposto e io l’ho fatto vedere al nostro avvocato, Gianluigi Pellegrino, che lo ha valutato. A quel punto, ho chiamato Nando Bonessio (responsabile regionale dei Verdi, ndr) per fargli apporre anche la nostra firma, ma il documento era gi partito. Abbiamo fatto un comunicato congiunto perch non siete stati voi, il principale partito d’opposizione, il motore di un’iniziativa cos importante? lavorando con Pellegrino, ed arrivata l’impugnativa dei Verdi. A quel punto farne un’altra non aveva senso. Sono solo arrivati prima problema non sar che alcuni degli interventi pi contestati, come la pista di sci al Terminillo e il porto di Tarquinia, sono sostenuti anche dagli amministratori del Pd? Terminillo una proposta avanzata in passato anche del centrosinistra, in accordo con la Provincia di Rieti (guidata da Fabio Melilli del Pd, ndr). Ma non andava messa nel Piano casa: certi progetti vanno discussi caso per caso, e non con una norma generale che autorizza di tutto. Nessuno ne parla, ma nel Piano c’era anche il raddoppio della Luiss, l’universit di Confindustria Tarquinia, dove il sindaco Mauro Mazzola, sempre del Pd? il discorso pi complesso. Il porto bloccato dalle norme paesaggistiche messe dalla giunta Marrazzo. Lo dissi a Mazzola: se quel progetto si pu fare senza forzature e in conformit con un Piano sulla portualit parliamone la Polverini togliesse la pista del Terminillo dal Piano casa, e la presentasse come proposta a s votereste a favore? fosse in sintonia col progetto voluto da noi e dalla Provincia di Rieti saremmo disposti ad approvarlo. Bisogna essere coerenti sa che qualcuno vi accusa di consociativismo? chi ci d degli ostruzionisti, chi dei consociativi. Secondo me non si deve essere sempre barricaderi: mantengo un profilo da forza di governo. La verit un’altra. abbiamo sempre criticato la Polverini, ma c’ qualcuno che vuole colpire un gruppo, quello regionale, che sta sempre sul pezzo chi? una sorta di schizofrenia dentro il Pd. Se ogni volta l’oggetto del contendere si riduce ad essere polemici al nostro interno, non andiamo molto lontani nomine della Polverini hanno alimentato certi rumors: Aldo Morrone, direttore generale del San Camillo Forlanini, di area di centrosinistra. Stessa cosa per Vitaliano de Salazar, allo Spallanzani. Coincidenze? ho mai suggerito dei nomi alla Polverini. Se poi lei sceglie personalit di alto profilo, che si trovano nel campo nostro, sono contento. Con Morrone, nello specifico, ho anche avuto un periodo di grande freddezza in passato fino a poco tempo fa, c’era il senatore Pd Lucio D’Ubaldo. All’Arpa c’ ancora il commissario Corrado Carrubba, nominato da Marrazzo. Dei casi, anche questi? saranno problemi nel centrodestra per trovare altre soluzioni. D’Ubaldo aveva posto fin dall’inizio il problema di andarsene, io per primo gli ho detto di non farlo. E con Carrubba cosa dovrei fare? Dirgli di andarsene perch governa il centrodestra? Sono contrario allo spoils system alla Polverini finora? 3 meno meno. Sta giocando una partita in proprio per la leadership nel Pdl, ma lo fa a scapito dell’azione amministrativa nel Lazio rimpiangerete Storace? facce della stessa medaglia: poca incisivit molte polemiche e troppa pienezza di s

dal Corriere della sera del 28.10.11

Piano casa, la Regione pronta a riscrivere la legge. Dietrofront dopo l’incontro con Fitto. Ma Alemanno accusa: dal governo atto grave.

A caldo aveva detto che non si sarebbe fatta intimidire: governo ha bocciato il Piano casa? Noi andiamo avanti, ci difenderemo davanti alla Corte costituzionale Ieri,
stivali ugg estivi 3 obiezioni dal Governo
la marcia indietro: incontrando il ministro Raffaele Fitto, la governatrice del Lazio ha avviato l’esame delle modifiche da apportare alla legge urbanistica in modo da recepire i rilievi del Mibac e consentire il ritiro dell’impugnativa. Lo dice chiaramente il responsabile degli Affari regionali: la Polverini abbiamo aperto un tavolo tecnico per trovare una soluzione di intesa per superare questa situazione Seguito a ruota dall’interessata: prossime ore si stabilir se ci sono le condizioni per trovare una soluzione e quindi evitare che da parte della Regione si prosegua nella difesa del piano casa alla Consulta afferma con nonchalance la Polverini, liquidando le critiche del ministro Galan affidate ieri a Repubblica ( non la conosce, capisce subito che non ha studiato a Eton con un secco: sono interessata, non leggo le sue interviste, ormai siamo abituati alle sue performance difesa affidata ai fidi scudieri. Il vicepresidente Luciano Ciocchetti ( Galan continua la sua azione di contrasto verso il piano casa del Lazio, il nostro patrimonio storico archeologico si sgretola giorno dopo giorno: Pompei l’esempio e il capogruppo della sua lista civica, Mario Brozzi, che la butta sul galateo: incomprensibile come valutazioni squisitamente personali vengano anteposte al riguardo istituzionale, al reciproco riconoscimento dei ruoli e a quella eleganza che dovrebbe accompagnare qualsiasi uomo nei confronti di una signora per la polemica non si placa. A entrare a gamba tesa, stavolta, Alemanno. che ci sia un riconoscimento forte nei confronti della Regione Lazio. Il governo ha compiuto un atto davvero grave contro il nostro sistema territoriale tuona il sindaco, aggiungendo che ammissibile che un progetto cos importante, su cui peraltro ci si era gi confrontati in consiglio dei ministri, venga impugnato con questa leggerezza Durissima la replica dell’opposizione: il Piano varato dalla giunta Polverini nel totale disprezzo delle regole e, ancora di pi che il sindaco della capitale ignori i pi elementari principi della Costituzione attacca il capogruppo di Sel Luigi Nieri. si pu avere un atteggiamento da stadio: se c’ un vizio di legittimit come in questo caso, rientra nelle prerogative del governo fare ricorso bacchetta il dipietrista Bucci.

di Giovanna Vitale

da La Repubblica del 28.10.11

Piano casa, vertice con Fitto per ritirare il no del governo. Piano casa, tavolo tecnico per superare il no del governo Incontro Polverini Fitto: la soluzione vicina

Trattativa serrata fra il Ministero per i Rapporti con le Regione e il Lazio. Obiettivo: il ritiro dell’impugnativa del piano casa deciso luned scorso dal Governo. Ha spiegato il presidente della Regione, Renata Polverini: parlato con il ministro Raffaele Fitto e c’ gi in corso un tavolo tecnico che nelle prossime ore stabilir se ci sono le condizioni per trovare una soluzione che ponga le condizioni per il ritiro dell’impugnativa Si apre uno spiraglio per il futuro del piano casa del Lazio. La novit che un gruppo di tecnici della Regione sta lavorando con gli esperti del Ministero per evitare lo scontro davanti alla Corte costituzionale. Ha confermato il ministro Fitto: trovare una soluzione che consentir mi auguro, se recepita, di giungere al ritiro dell’impugnativa. Adesso non mi sento di aggiungere nulla di pi c’ un lavoro comune presso il ministero con i funzionari della Regione Lazio e verificheremo in base ai punti oggetto dell’impugnativa le modalit per giungere a una soluzione parlato con il ministro Raffaele Fitto e c’ gi in corso un tavolo tecnico che nelle prossime ore stabilir se ci sono le condizioni per trovare una soluzione che ponga le condizioni per il ritiro dell’impugnativa Le parole sono di Renata Polverini, presidente della Regione, e sembrano aprire uno spiraglio per il futuro del piano casa del Lazio. La novit che un gruppo di tecnici della Regione sta lavorando con gli esperti del Ministero per evitare lo scontro davanti alla Corte costituzionale sul piano casa del Lazio.

Luned il governo, su iniziativa del ministro per i Beni culturali, Giancarlo Galan, aveva deciso di impugnarne una parte consistente. La reazione di Polverini e del Pdl laziale era stata durissima: il presidente aveva parlato di ostile al Lazio gli assessori del Pdl avevano presentato le dimissioni. L’altro giorno c’era stata una prima mediazione politica del segretario nazionale del Pdl, Angelino Alfano, che ha fatto rientrare la rivolta degli assessori. Ma dal punto di vista tecnico serve un intervento del Governo e ieri c’ stato un colloquio di trenta minuti fra il ministro per i Rapporti con le Regioni (Fitto) e il presidente della Regione Lazio. Al termine Polverini ha analizzato la situazione: lavorando sulle condizioni per il ritiro dell’impugnativa Come dire: da Fitto c’ stata un’apertura e una disponibilit che va in senso opposto rispetto a quanto ribadito negli ultimi giorni dal ministro per i Beni culturali, Giancarlo Galan (Polverini sul ministro: siamo abituati alle performance del ministro Galan, ce ne siamo fatti una ragione. Noi andiamo avanti lo stesso Polverini abbiamo avviato un tavolo tecnico sul piano casa per trovare una intesa La regina di tutte le domande: sar ritirata l’impugnativa del piano casa? Fitto ha detto: trovare una soluzione che consentir mi auguro, se recepita, di giungere al ritiro dell’impugnativa. Adesso non mi sento di aggiungere nulla di pi c’ un lavoro comune presso il ministero con i funzionari della Regione Lazio e verificheremo in base ai punti oggetto dell’impugnativa le modalit per giungere a una soluzione Per ora dunque non possibile affermare che si sta andando a una revoca dell’impugnativa del piano casa, ma il ministro Fitto non esclude questa ipotesi. Dipende da come si svilupper il confronto fra il Ministero e la Regione. Ieri contro il ministro Galan sceso in campo anche il leader de La Destra, Francesco Storace: so a che cosa servito il vertice del Pdl laziale con Alfano; ma vedo che Galan insiste su Sky e continua ad attaccare la Regione con argomenti pretestuosi. Non compito del Consiglio dei Ministri stabilire se provvedimenti per lo sviluppo, come gli impianti sciistici al Terminillo o singoli porti locali, sono compatibili o meno con il piano casa. Al Governo spetta solo di valutare se un provvedimento conforme con la Costituzione. E la legge approvata dal consiglio regionale del Lazio lo Il resto sono solo capricci il vicepresidente della Regione, Luciano Ciocchetti (assessore all’Urbanistica): il ministro Galan continua la sua azione di contrasto, soprattutto mediatico verso il piano casa del Lazio, il nostro patrimonio storico archeologico dell’intera umanit si frantuma e sgretola giorno dopo giorno. Pompei l’esempio. Entrando nel merito tecnico delle polemiche sollevate in questi giorni ritengo opportuno puntualizzare che la normativa del piano casa, nella sua completezza, rispetta totalmente le leggi e la Costituzione. Espressamente all’interno dei commi impugnati si definisce, inoltre, una prassi di copianificazione tra Stato e Regione con il meccanismo dell’intesa che previsto all’articolo 117 della Costituzione italiana ed il codice dei beni culturali. Invito Galan a non farsi mal consigliare soltanto dai suoi fidi e non obbiettivi collaboratori, ma a leggere personalmente la legge

di Mauro Evangelisti

da Il Messaggero del 28.10.11

Lazio. Piano casa Alfano vede Polverini: il Pdl torna in Giunta

ROMA Tornano in Giunta i dieci assessori Pdl dimissionari, e partir un tavolo di confronto politico permanente tra la Regione Lazio e il Pdl nazionale per seguire il sistema Lazio. Si conclusa cos dopo due giorni di fuoco e quattro ore di confronto a porte chiuse tra Renata Polverini e i vertici del Pdl a via dell’Umilt la crisi del Piano casa.

Lo scontro tra la governatrice del Lazio e il governo era scoppiato dopo che il Consiglio dei ministri, su impulso del responsabile dei Beni culturali Giancarlo Galan, aveva impugnato una parte del provvedimento urbanistico. Per protesta, 10 assessori del Lazio su 15, quelli del Pdl, avevano riconsegnato le deleghe a Polverini, che aveva chiesto un incontro con lo stato maggiore del partito. Che ieri, da Verdini a La Russa, da Gasparri a Cicchitto, era al completo, insieme con i coordinatori regionali e provinciali. Ma stato lo stesso segretario Angelino Alfano a ribadire agli assessori la fiducia e a chiedere nel corso dell’incontro che ritornassero a l’ottimo lavoro fin qui svolto nella giunta regionale ha affermato Polverini ha riconosciuto che c’ un “sistema Lazio” importante che sta lavorando bene intorno alla Giunta, e che il piano casa uno dei punti qualificanti non soltanto dell’azione della Regione ma anche di quella del governo Berlusconi per l’impugnativa prosegue il suo iter. mia cura ha spiegato Polverini confrontarmi con il ministro Fitto. Galan tiene il punto: avevo gi avvertiti a luglio: sar la Consulta a decidere sulla legittimit

pag. 24

da Il Sole 24ore del 27.10.11

Urbanistica. Piano Casa, Polverini fa pace con il Pdl La crisi politica della Regione, iniziata l’altro ieri, rientrata dopo alcuni momenti di tensione. Vertice con Alfano e alla fine gli assessori ritirano le dimissioni. Polverini: il sistema Lazio Vertice con Alfano, un tavolo per il piano Casa. Ma stavolta se ne occuper Fitto.

Tre ore di vertice, poi la schiarita: la crisi politica della Regione Lazio, iniziata l’altro ieri con le dimissioni di dieci assessori Pdl, gi rientrata. bastato il lungo vertice tra la governatrice Renata Polverini, il segretario del partito Angelino Alfano e i dirigenti pidiellini: dice la Polverini ha riconosciuto l’importanza del Piano Casa, il lavoro della giunta e l’esistenza di un sistema Lazio Il segretario ha spiegato: questioni tecniche sul Piano Casa saranno approfondite: creeremo un tavolo permanente per monitorare l’attivit della Regione Ad occuparsene, sar il ministro Raffaele Fitto che insieme a Giorgia Meloni in Cdm aveva cercato di scongiurare l’impugnativa di Palazzo Chigi della legge regionale.

Oltre tre ore di vertice, alcuni momenti di tensione, la maggioranza che mentre a via dell’Umilt si discute del Lazio va sotto alla Camera anche per l’assenza di alcuni deputati. Quando ormai buio Renata Polverini esce dal lunghissimo incontro col segretario del Pdl: dice la presidente ha ribadito l’apprezzamento per il nostro lavoro, ha riconosciuto l’importanza del Piano Casa e del sistema Lazio Il segretario diffonde una nota: Piano uno dei punti qualificanti del governo Berlusconi. Il Pdl apprezza l’opera della giunta Polverini, auspica che gli aspetti tecnici da verificare siano approfonditi nelle sedi competenti, a partire da quelle di governo preposte al rapporto con le Regioni Alfano, inoltre, confermato la fiducia agli assessori dimissionari, chiedendo di riprende il lavoro e si ad istituire un tavolo permanente per monitorare le questioni del Lazio basta, per il momento, a far rientrare la crisi. I dieci assessori Pdl hanno ritirato le dimissioni, la Polverini si accontenta del segnale politico dopo aver incassato anche un documento in suo sostegno firmato dai dirigenti laziali del Pdl. Ha costretto mezzo Pdl (al vertice, oltre ad Alfano, c’erano i coordinatori nazionali Verdini Bondi La Russa, i capigruppo di Camera e Senato Cicchitto e Gasparri, il vicepresidente della Camera Lupi, i ministri Meloni e Fitto, Antonio Tajani, il coordinatore regionale Piso, il suo vice Pallone, quello romano Sammarco) ad occuparsi, pur nella bufera politica, di una questione locale. Non solo. La governatrice ottiene un altro effetto: il del nemico Giancarlo Galan. Nella riunione il diventato proprio lui: Lazio noi siamo oltre il 40%, lui in Veneto conta per il 7% stato fatto notare ad Alfano. Messaggio chiaro anche in vista del congresso del Pdl.

Del tavolo per rivedere alcuni punti del Piano Casa,
stivali ugg estivi 3 obiezioni dal Governo
se

shop online ugg australia 11 minuti di silenzio e di applausi

australia ugg 11 minuti di silenzio e di applausi

A comunicarlo stata la stessa corporation telematica, che ha per parlato di un “incidente” temporaneo, risolto il quale Mr. President presto tornato a cinguettare minacce, dichiarazioni di guerra e spiacevolezze assortite proprie del suo personaggio.

Twitter ha inizialmente parlato di una disattivazione “involontaria” dell’account del presidente americano durata 11 minuti, un fatto dovuto a un errore umano e non certo alla volont di tappare la bocca a uno degli utenti pi prolifici e in vista del social network da 280 caratteri. The account was down for 11 minutes, and has since been restored. We are continuing to investigate and are taking steps to prevent this from happening again.

Through our investigation we have learned that this was done by a Twitter customer support employee who did this on the employe last day. We are conducting a full internal review.

My Twitter account was taken down for 11 minutes by a rogue employee. I guess the word must finally be getting out and having an impact.

Donald J. President da Twitter stata accolta da alcuni utenti del social network come una benedizione o una vera e propria occasione di festa, anche se difficilmente il fatto non si verificher in futuro visto che Twitter ha gi dichiarato di non voler censurare Trump nemmeno quando dichiara guerra (virtuale?) alla Corea del Nord. E con 280 caratteri a disposizione cosa mai cinguetter ?”>Twitter: non censureremo TrumpIl sito dei cinguettii risponde pubblicamente alle polemiche sulla “dichiarazione di guerra” di Mr President contro la Corea del Nord,
shop online ugg australia 11 minuti di silenzio e di applausi
e dichiara con molto candore di non poter censurare Trump perch ogni sua parola fa notizia. Neo bersaglio degli insulti una giornalista, ma questa volta anche il suo partito si schiera tra gli indignati”>Trump e le trollate presidenziali su TwitterUtilizzo senza freni del proprio account Twitter personale da parte del nuovo Presidente degli Stati Uniti. Il social network si oppone e chiede l del giudice, il governo rinuncia”>Twitter, braccio di ferro per le critiche anonimeLe autorit vorrebbero i dati dei dissidenti delle organizzazioni a stelle e strisce che stanno protestando a suon di tweet contro il Presidente Trump. Il social network si oppone e chiede l del giudice, il governo rinuncia

non fosse per lui

Eh eh, non fosse per Trump che lo usa stabilmente per le sue esternazioni, twitter sarebbe probabilmente gi fallito o in procinto di.
shop online ugg australia 11 minuti di silenzio e di applausi

ugg loafers ”Nove anni dopo la mia condanna a morte”

ugg da uomo ”Nove anni dopo la mia condanna a morte”

“Era l’8 febbraio del 2009 inizia così un lungo post apparso sulla pagina facebook dell’ex presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta . Sono passati nove anni. Venni chiamato dal procuratore Marino, a Caltanissetta gli sarò sempre grato per questo, anche se le nostre strade dopo si sono divise. Il pm mi disse che le forze dell’ordine avevano scoperto che era stata decretata una condanna morte da parte del capo mafia di Gela, Daniele Emmanuello.

Condanna, come riferi’ due anni orsono, nel corso di una testimonianza a Firenze, un pentito di mafia, che e’ ancora valida, poiché il boss che l’aveva emessa era morto. Solo chi ha emesso la condanna la può revocare, una sorta di fatuah medievale che continua a resistere nei tempi moderni.

Fu proprio, però, quel giorno in cui venne chiaro a me la grandezza del popolo siciliano. La procura mi consiglio di non fare alcuna iniziativa pubblica per qualche periodo. Quel giorno, avevo in programma di fare insieme al segretario del Pdci, Oliviero Diliberto, un comizio in piazza università a Catania. Decisi di fare quel comizio lo stesso, anche se rischiavo la vita. Alla fine mi fecero indossare un giubbotto antiproiettile ed io parlai in una piazza Università straordinariamente piena, a tanti catanesi e tanti Siciliani che erano venuti da tutta la regione. Ricordo ancora la sofferenza nel dover parlare indossando quel giubbotto di metallo che mi stringeva i polmoni e mi soffocava la gola!! Ma alla fine ero felice. Felice per non avere ceduto alle minacce e di avere affermato il mio diritto alla dignità. Felice di non avere piegato la testa. Felice per quella tanta gente perbene che, sfidando la mafia ed il pericolo era venuta a manifestarmi solidarietà. Alla fine del comizio, un gruppo di giovani catanesi mi invitarono presso la sede della loro associazione mi piacerebbe reincontrarli tagliarono una torta con su scritto “siamo tutti Rosario”. Da quel giorno mi sono sentito solo Siciliano e Catanese, poiché avevo avuto la prova evidente della grandezza di noi siciliani. Avevo avuto la prova di quanta gente onesta e perbene c’è in Sicilia. Avevo avuto la certezza che in Sicilia ci sono le forze per sconfiggere il malaffare, la consapevolezza che si può cambiare.

Oggi,
ugg loafers ''Nove anni dopo la mia condanna a morte''
a nove anni di distanza, ferito, ma non ucciso, ho consapevolezza che siamo in una fase diversa, una fase in cui bisogna resistere, resistere, resistere.

Resistere contro il revisionismo Antimafia che porta a riciclare nelle liste soggetti che andrebbero tenuti lontani dalla vita pubblica.

Molti di noi sono abbattuti, pensano che tutto sia perduto, che tutto sia diventato regime e che non ci sia più speranza. “Scarpe rotte eppur bisogna andar”! Io voglio ripartire da quelle candeline che quei ragazzi di Catania accesero per il mio compleanno di nove anni fa. Come nove anni fa, pronto a battermi per la Sicilia, per la giustizia, per la verità, contro ogni tentativo di ritorno indietro, di ritornare a quel passato dominato da prepotenti che hanno distrutto e continuano a distruggere la Sicilia. Sento che abbiamo tempo, in fondo ho nove anni, nove anni rubati alla morte, nove anni per ricominciare, come sempre! Guai alla rassegnazione, guai a cedere, non ci si piega ai prepotenti e non si toglie la po’ coppola di fronte ai padrini: ‘Schifiamo le mani a vossia’! In fondo conclude Crocetta ,
ugg loafers ''Nove anni dopo la mia condanna a morte''
quando si ha nove anni, si può pensare di avere tanto tempo per battersi per e continuare a sognare”.

ugg bots 20 mila capi griffati e scontati in vendita

ugg rain boots 20 mila capi griffati e scontati in vendita

MESTRE. Apre a Mestre un mega outlet che venderà esclusivamente prodotti provenienti da fallimenti e pignoramenti. Il taglio del nastro è fissato entro Pasqua, la location al momento è (scaramanticamente) top secret nei progetti c’è anche un outlet gemello a Treviso ma il piano della società Aurea Trade di Paese (Treviso), nata nel 2017 con l’obiettivo di fare business sulla merce dei fallimenti, è già ben definito. E avrà un suo prologo a partire da domani, quando il piano interrato dell’Hotel Russot a Mestre, in via Orlanda, ospiterà “Dream Sales”: in vendita, con uno sconto del 60% sul prezzo di cartellino, 20 mila capi di abbigliamento di griffe acquisiti dalla Aurea Trade dal fallimento della Sira srl di Vedelago (Treviso), uno tra gli storici negozi di vestiti di fascia medio alta che è stato dichiarato fallita a fine 2016, e quasi 3.000 paia di scarpe che la società di Paese ha acquisito da un pignoramento di Equitalia a Genova.

Nell’area dedicata all’abbigliamento sarà possibile trovare capi delle marche più famose, da Valentino a Tommy Hilfiger, da Guess a Diesel, Scervino e Carlo Pignatelli, fino al mitico Woolrich. E tra le scarpe Hogan, Micheal Kors, Ugg, Timberland.

Una piccola parte dei 1.000 metri quadrati del temporary store sarà dedicata anche all’intimo e ai piccoli elettrodomestici come stufette, pannelli radianti,
ugg bots 20 mila capi griffati e scontati in vendita
scope elettriche, provenienti anch’essi da fallimenti.

I battenti di “Dream Sales” saranno aperti nelle giornate del 5, 6 e 7 gennaio dalle 9.30 alle 20; l’8, 9, 10 e 11 gennaio dalle 10 alle 19; il 12, 13 e 14 gennaio dalle 9.30 alle 20.

facile immaginare come, nel primo giorno dei saldi nei negozi tradizionali, il temporary store all’Hotel Russot sarà preso d’assalto da chi cerca il capo di griffe, risparmiando un bel po’. Proprio per questo, spiega Luca Maneo, amministratore unico di Aurea Trade, è stato predisposto un servizio di sicurezza per garantire ai clienti la massima tranquillità durante gli acquisti. Saranno presenti anche gli addetti ai parcheggi che gestiranno il flusso in arrivo all’hotel.

Attraverso il sito dell’organizzazione è possibile cercare di accaparrarsi uno dei 50 “vip pass” per ciascuna giornata di apertura, così da riuscire a entrare nel temporary store un’ora prima dell’apertura ufficiale. Per le prime giornate, i “vip pass” sono andati esauriti in un baleno. E c’è da giurare che si volatilizzeranno i lasciapassare anche per le altre giornate.

“Dream Sales” è il primo esperimento di vendita di abbigliamento da fallimento messo in campo dalla società trevigiana che nei mesi scorsi aveva organizzato una vendita di orologi di lusso. Ma i progetti di Aurea Trade puntano ora ai due outlet. Due strutture di circa 400 metri quadrati ciascuna, chiarisce Maneo, con aperture esclusivamente al venerdì e sabato, con merce proveniente da fallimenti e aste giudiziarie alla quale sarà applicata una scontistica del 60%.
ugg bots 20 mila capi griffati e scontati in vendita

ugg australia au 10 cose per cui è peggio di un netbook

wholesale ugg boots 10 cose per cui è peggio di un netbook

L può essere superiore ai netbook in alcune funzioni, come per esempio la qualità di riproduzione video; è tutto vero ma ci sono altre cose che qualunque netbook riesce a fare, e che l semplicemente non può, almeno per il momento.

E andiamo ad elencare. Notate che non ho messo il multitasking quello potrebbe essere candidato all posto.

Video chat: la maggior parte dei netbook anche quelli più economici, includono una webcam che permette di fare videochiamate tramite MSN, Skype, o qualunque altro programma. L non può: non ha nessuna webcam, né un programma di video chat. Eppure il costo è superiore a quello di un netbook.

Visualizzare Flash: anche se Jobs ha definito l migliore esperienza web che abbiate mai avuto c qualcosa di fondamentale che manca. Sarebbe l web: l non ha il Flash Player. I netbook magari sono lenti, ma almeno ce l la maggior parte degli utenti non è fatta di sviluppatori, ma la maggior parte dei netbook utilizza Windows XP o Windows 7; e si possono installare tutti gli strumenti di sviluppo di cui si ha bisogno. Sull non si può.

Scaricare foto dalla macchina fotografica: l non ha nessuna porta USB, e senza porte USB significa che non si può collegare né la videocamera, né nessuna altra periferica. Generalmente i netbook ne hanno almeno 3.

Salvare più di 64 GB di dati: ci aspettavamo un po di memoria in più dall anche il più economico dei netbook ha almeno 160 GB di hard disk.

Utilizzare i giochini su Facebook: senza il Flash Player è impossibile giocare con Facebook, ma è impossibile utilizzare qualunque browser game.

Cambiare la batteria: l è sottile, attraente, sexy. Ma la batteria è integrata.

Quando si spegne addio. Con i netbook potete andare in giro con la batteria di riserva, oppure sostituire la batteria di serie con una più potente.

Installare CD o altri dispositivi: sui netbook potete utilizzare un semplicissimo lettore CD/DVD su USB per installare software che si trova su dischi ottici. Potete anche installare da memorie USB. L non è stato progettato con in mente la flessibilità: nessuna porta USB, non si può installare niente, a meno che non provenga dall Store.

Digitare: ok, l ha la tastiera virtuale, ma non sembra che sia altrettanto comoda quanto una tastiera classica, come quella di un netbook. l va bene per scrivere brevi testi, ma per qualcosa di più la tastiera fisica è obbligatoria.

Aggiornamenti: i netbook possono essere aggiornati: aumentare RAM,
ugg australia au 10 cose per cui è peggio di un netbook
cambiare l disk. l è chiuso, sigillato. Una volta che ne avete comprato uno, ve lo tenete così.

D parte però l fa tante altre cose in maniera molto carina, per esempio è molto più portatile di un netbook.

A mio parere iPad è tutto quello che va contro la libertà di internet.

Prima di tutto perchè non si possono vedere applicazioni web sviluppate con tecnologia Adobe Flash Player.

Facciamo alcuni esempi, sono al mare ed ho bisogno di sapere qual il traffico autostradale in tempo reale. Bene, cerco su google e mi salta fuori il sito autostrade italiane, pagina traffico in tempo reale.

Ma come ?!? Non posso vederlo ?

E chiaramente un sviluppata con Adobe Flash Player e quindi non la si vede.

E così con tanti altri siti, vedi Nike store, alberghi e ristoranti che permettono di prenotare online ecc ecc.

Semplice per Steve Jobs, comprare un per autostrade, nike, hotels, ecc ecc che chiaramente sono acquistabili SOLO ED ESCLUSIVAMENTE da Apple App Store.

E questo sarebbe internet libero ?

L finale dovrebbe fare bene due conti prima di acquistare iPad.

Diciamo che ha grossi vantaggi come la possibilità di poter essere impugnato con una sola mano e con una scrivere ecc mentre sui netbook cmq un punto di appoggio ci vuole sempre, di solito in mancanza si utilizzano le ginocchia. Altro vantaggio è la sua compattezza e le prestazioni decisamente interessanti. Per il resto è completamente inutile e inadeguato. Apple ha lanciato lo standard USB per poi ripiegare in una scatola completamente chiusa a questo punto per chi non vuole rinunciare a tutti i vantaggi descritti sopra meglio aspettare la concorrenza come eeepad. Per iphone ci poteva ancora stare il sistema chiuso ma per un oggetto del genere assolutamente no! Spero che non venga premiato dagli utenti in termini di vendite ma sarà difficile.

é pura follia al giorno d produrre un device che non abbia una porta usb per condividere velocemente un file;

senza flash praticamente non si riesce a navigare in internet.

Mi sono pentito di averlo acquistato e l appena (s)venduto su ebay, perdendoci oltre 200 euro!!!

Credo che l modo per far capire al sig. Job alcune cose sia quello che tutti gli appassionati apple (come il sottoscritto) anziché affrettarsi a fare file chilometriche per accaparrarsi tutto quello che Apple lancia sul mercato, leggano le recensioni e poi decidano razionalemnte se comprare o meno un dato prodotto.

Il sottoscritto sta rispondendo da un IPAD per tutti quelli che pensano che questo dispositivo non serve.

A parte il fatto che esiste una tastiera fisica, anche se quella virtuale è una figata, esiste la porta USB,
ugg australia au 10 cose per cui è peggio di un netbook
il lettore di card per scaricare le foto, ma se non volete usare nulla di tutto questo per trasferire i dati, ci sono delle Apps che con la connessione wi fi trasferiscono i dati alla velocità della luce.

comprare ugg 30 Tendenze Moda Autunno Inverno 2015 2016

ugg palermo 30 Tendenze Moda Autunno Inverno 2015 2016

Inizia il viaggio nelle tendenze moda autunno/inverno 2015 2016 per scoprire quali sono i must della prossima stagione.

I cappotti diventano over. Quello di Carolina Herrera gioca con le grafiche, mentre il coat di Delpozo è ampio e morbidissimo, effetto mantella. un patchwork di tessuti quello di Edun con maxi rever.

Ma passiamo ai vestiti dell inverno 2015 2016. Se i long dress continuano a stupire per la loro eleganza, come quello strapless avvolto in una miriade di ruches di Oscar de la Renta è sicuramente anche il momento delle lunghezze mini. A partire dai mini dress, aderenti e strapless ricoperti di lustrini come quello di Versace, o con ampia gonna di tulle come quello di Saint Laurent.

Anche la pelle è centrale nei look autunno inverno 2015 2016. La troviamo declinata su ogni capo e in ogni silhouette. I leather pants si portano aderenti con camicia e giacca, e le gonne,
comprare ugg 30 Tendenze Moda Autunno Inverno 2015 2016
che siano ampie e plissé come quella di Gucci, o aderenti, come quella matelassé di Moschino, sono perfette con un seducente top.

Romantici gli abiti di rouches e le camicie con fiocco, da indossare con gonne lunghe o pantaloni a vita alta.

Tra i colori moda autunno inverno 2015 2016 spicca sicuramente il rosso. Lo sceglie Marni per un completo minimal formato da tunica e gonna ampia con cintura nera a contrasto, ma anche Emilio Pucci per un abito lungo e spettacolare.

Pizzi e ricami invadono top e vestiti iper femminili simili a lingerie, per outfit seducenti. Ma non manca il lato mannish della moda,
comprare ugg 30 Tendenze Moda Autunno Inverno 2015 2016
evidente nei tailleur pantalone.

ugg caspia 13 cose che solo i ritardatari cronici capiranno

ugg sale boots 13 cose che solo i ritardatari cronici capiranno

I ritardatari cronici pensano sempre di essere perfettamente puntuali e che si possa parlare di ritardo solo dopo quindici minuti oltre l prestabilito. Tardare d una vera e propria arte: inventare balle credibili in diretta telefonica con l in attesa non da tutti, e nemmeno la straordinaria capacit di mettersi le scarpe, chattare, pettinarsi e infilarsi la giacca contemporaneamente.

Se siete anche voi geni del multitasking e amabili inventori di fandonie dell minuto, se siete tra quelli che lottano contro il tempo, ma alla fine la spuntano sempre, ecco il vostro identikit.

5. Se poi trovate traffico, imprecate contro il prossimo perch questa volta eravate davvero vicini alla puntualit La colpa non dunque vostra ma del karma.

6. Non vi considerate ritardatari ma ottimisti nei confronti dello scorrere del tempo.

7. Quando puntate la sveglia dieci minuti prima per essere sicuri di arrivare puntuali, finite per cedere alla tentazione e pensare: posso dormire ancora dieci minuti Ne dormirete venti e arriverete ancor pi in ritardo.

8. Per due giorni l la vostra vita rovinata: quando si sposta l Quando la puntualit essenziale andate in paranoia e iniziate a prepararvi due ore prima con la consapevolezza di non farcela comunque. Se dovete prendere un volo alle dieci del mattino, vi sveglierete alle quattro per uscire di casa alle otto. Alla fine uscirete alle nove e quarantacinque.

10. Secondo la vostra logica dopo il periodo di grazia dei trenta minuti si potrebbe prendere in considerazione l di chiedere scusa.

11. O non avete nulla da fare o siete di fretta. La via di mezzo non esiste.

12. Siete arrivati al punto in cui non avete pi il coraggio di mentire e preferite mandare messaggi chiari e coincisi: di mezz D’altronde siete persone impegnate, e lo ribadite con forza.
ugg caspia 13 cose che solo i ritardatari cronici capiranno

ugg grigi bassi ‘boots’ in Le Marche Fashion

ugg boots men ‘boots’ in Le Marche Fashion

Le Marche offers an esteemed fashion industry that over time has developed an expertise that permit to understand the needs and desires of the market, especially from the end consumer side. Le Marche is a land of ancient traditions and crafts manufacturing, here, are located some of the major brands famous all over the world. A trip to the Marche, may also be an opportunity to switch from the classic historical and cultural tour to another exquisitely fashionable, in search of numerous outlets and factory stores. The shoe making district of Fermo and Macerata situated on the border of the provinces of the same name, represents the largest concentration of footwear producing companies in Italy.

Curated byIt becomes colder and colder, so women take their boots out from wardrobe. Over knee boots have recently become more and more popular because there are a growing number of celebrities also are dresses fashion with cheap knee high boots.

There are several reasons why girls love over knee boots. First of all, the boots will make them looks slimmer and taller. Secondly, they are so high, over knee boots are often considered rather provocative and sexy. Thirdly, it is good at keeping warm in winter.

Although over knee boots are popular with girls and women, not all the women are fit for the boots. Over knee boots will make the tall girls look taller while will make the chubby and short girls look weird. So you should make sure you are whether fit for over knee boots. In addition, it is difficult for the girls who have large sized figure to suck into the boots. So make sure you are suitable to wear the boots in winter.

Over knee boots should go with legging with skirt. Because the pants are easy to make it difficult to allow you suck your feet into boots, you had better wear the legging instead. It is necessary that the length of skirt should not be longer than the boots, which will hide the feature of boots. It will always make you strange if you wear long length dress with over knee boots. Therefore, you should pick up some well fitted skirt in right length to go with the boots.

IXOS shoes delight with their variety of designs. From flat ballerina sandals to high boots; creativity and individual design are first priority at IXOS. All designs of the ambitious brand IXOS consist of high quality, original Italian leather. IXOS knows that nothing is better fitting or more comfortable than well processed leather. Made In Le Marche with artistic craftwork and the strong Italian identity . The advanced designs make Ixos Shoes a glamorous modern brand, a pioneer of the fashion scene in the area of shoe fashion and constantly present new creations.

Alberto Fasciani inventiveness and creativity take their energy and inspiration from the enchanting scenery of the Marches, a land rich in history and natural beauty. The sea, the gentle hills, the colours and quality of life all help shape Fasciani creations. Here, in this corner of Italy, antique crafts, passed down from generation to generation, continue to maintain their values and secrets intact. It is these deeply rooted traditions that have made the Marches famous as the home of fine Italian footwear. Significantly, one of the area oldest traditions is the art of tanning, and the leather crafts of footwear and bag making centre on the area around Macerata and Fermo where Alberto Fasciani is based.
ugg grigi bassi 'boots' in Le Marche Fashion

ugg stop 20 mocassini da comprare subito

ugg bailey button bomber 20 mocassini da comprare subito

Mocassino mon amour: elegante, comodo e versatile è un accessorio indispensabile del guardaroba femminile. Il motivo? Si adatta perfettamente a ogni situazione e, come tutti gli accessori, può trasformare drasticamente qualsiasi look. In bene, ma anche in male. Ecco perché è importante scegliere il modello giusto da indossare a seconda delle diverse occasioni.

Bottega Veneta, Fendi, Salvatore Ferragamo e Tod’s presentano varianti bon ton adatte a uno stile classico, perfette per un colloquio o un pranzo di lavoro; mentre se in programma c’è un cocktail o un vernissage i modelli di Jimmy Choo, Lanvin e Giuseppe Zanotti sono quelli da tenere d’occhio.

I mocassini in suede realizzati daIsabel Marant e Ugg Australia sono pratici per affrontare una lunga giornata di viaggio in aereo e se piove niente paura, ci sono anche quelli di gomma firmati Menghi ; in caso poi l’appuntamento sia l’adorato tè con le amiche (con immancabile capatina di shopping) l’ideale è puntare su marchi come Blue Bird, Dr. Martens e Jil Sander Navy.

Guardate la gallery con laselezione completa di mocassini disponibili con un click su Luisaviaroma.

Vogue Arts

Kristin Prim e le lettere di The ProvocateurQuattro chiacchiere con Kristin Prim, fondatrice di The Provocateur il sito che pubblica le lettere scritte appositamente da grandi donne a tutto l’universo femminile. Ecco tutto quello che c’è da sapere (e prepariamoci allo scontro con Taylor Swift)

New York Fashion Week: tutti gli eventiI party più esclusivi della New York Fashion Week

New York Fashion Week: lo street styleTutto il meglio dello street style avvistato alla Settimana di New YorkFocus on models

Model’s look: lo stile delle modelle a New YorkDalla Settimana della Moda di New York Autunno Inverno 2016/17Notizie del giorno

Le sfilate cambiano: da Burberry a tutte le novità delle passerelleLe collezioni Uomo e Donna sfileranno insieme e saranno in vendita subito dopo lo Show. Queste le novità di Burberry che si collocano in un quadro di evoluzione generale: le passerelle stanno cambiando
ugg stop 20 mocassini da comprare subito