ugg s notizie da Lecco e provincia Caloroso e commosso il saluto della comunità a don Fabrizio Crotta

ugg boots classic short notizie da Lecco e provincia Caloroso e commosso il saluto della comunità a don Fabrizio Crotta

Quanto calore, partecipazione raccolta, gioia, ma anche un po’ di commozione nella solenne concelebrazione di martedì 29 agosto nella chiesa parrocchiale di Barzago. La Comunità Pastorale Maria Regina degli Apostoli che aggrega anche le parrocchie di Bevera e Bulciago ha ufficialmente salutato don Fabrizio Crotta dopo sedici anni di permanenza: in parte vissuti prima come Responsabile della Pastorale Giovanile dal 2001 al 2008; a questo incarico si è poi aggiunto quello di Amministratore Parrocchiale della Parrocchia di San Bartolomeo di Barzago dal 2007 al 2008, quindi, dal primo settembre 2008 la nomina dell’Arcivescovo Tettamanzi quale Responsabile della Comunità Pastorale.

Con don Fabrizio hanno concelebrato i sacerdoti residenti nella Comunità Pastorale: don Virginio Riva per Bulciago, don Ambrogio Ratti per Bevera, padre Antonello Rossi, superiore dell’Istituto Missioni Consolata di Bevera, e padre Leopoldo Friso di Bulciago. Presenti i sindaci: Mario Tentori di Barzago, Luca Cattaneo di Bulciago, Aldo Riva di Castello Brianza e Davide Maggioni di Sirtori, per essere la parrocchia di Bevera sottoposta a tre diverse amministrazioni comunali.

Chiesa gremita in ogni ordine di posto, tanto che alcuni fedeli hanno partecipato stando sul sagrato. La liturgia è stata animata e allietata con tanto entusiasmo dalle corali riunite delle tre parrocchie, che hanno occupato lo spazio absidale dietro l’altare. Interno illuminato dallo sfavillio di luci come si fa per le grandi occasioni, compresa la cupola del presbiterio e la volta della navata.

Nell’omelia il saluto di don Fabrizio Crotta alla comunità per rispondere anche alle tante domande dei parrocchiani, che nei giorni scorsi gli hanno rivolto chiedendo spiegazioni sul perché ha accettato e non rifiutato il trasferimento. Lo ha fatto interpretando lo spirito di San Paolo quando ha salutato le comunità di Efeso e Mileto.

Il distacco dalle persone è sempre un momento doloroso, ha esordito don Fabrizio. Lo è stato anche per don Lorenzo Milani, quando è stato trasferito da San Donato a Barbiana. In quella circostanza affermò di avere sofferto così tanto che non avrebbe retto un’altra volta. Perché ci si attacca alle persone che non sono mai dei numeri. Dentro ciascun volto c’è una storia e molti di voi queste storie me le hanno confidate. L’idea dunque di andare altrove non mi lascia indifferente.

Mi avete accolto per quello che sono con i miei pregi e difetti. Sono tanti i motivi che mi inducono a riflettere sul brano di San Paolo: aveva anche dei sassolini da tirar fuori dalle scarpe, ma questa sera ve li risparmio, anche se ci sono i sassolini nelle suole; quando si condivide la vita delle persone si vedono gli aspetti belli e brutti. Ma questa sera vorrei soffermarmi su due parole: obbedienza e distacco.

La prima parola commentata quindi è stata: obbedienza.

L’avere accettato la proposta dei superiori rappresenta non tanto la corrispondenza ad una formalità, ma rappresenta una scelta consapevole di libertà, maturata anche con molta fatica, di chi si lascia guidare da altri; innanzitutto mi lascio guidare da Dio: è Lui che mi ha guidato in tutti questi anni.

Nella Costituzione Conciliare del Vaticano II (Presbyterorum Ordinis, n. 8) sul ministero e la vita dei presbiteri, si afferma che c’è un compito comune che unisce tutti i presbiteri in unione col Vescovo per edificare l’unico Corpo di Cristo ovunque si trovi; questo dunque è il compito del prete: non importa dove, se in Brianza, nel milanese o nel varesotto. E prosegue il medesimo documento al n. 15, che, consapevole della propria debolezza, il vero ministro di Cristo lavora con umiltà, cercando di sapere cosa è gradito a Dio. E don Fabrizio si è detto fortunato, perché anche lui ha potuto lavorare come umile servo nella vigna del Signore, cogliendo le parole di Papa Benedetto XVI. In tutti questi anni ho sempre cercato di non impormi, chiedendomi cosa è più gradito a Dio. La mia adesione quindi è la risposta ad una nuova chiamata, perché c’è bisogno anche da un’altra parte. Anche Gesù non ho portato la Buona Novella ad una sola comunità, ma ad una moltitudine di persone. Lo steso Card. Carlo Maria Martini il vescovo che mi ha ordinato , quando gli è stato chiesto di assumere la guida della diocesi di Milano, pur non avendo mai avuto esperienze pastorali dirette, si è fidato: ha detto di sì. Questa per me è obbedienza a Qualcuno più grande della gerarchia ecclesiastica, a Colui che ti rilancia in una missione nuova.

La seconda parola sulla quale don Fabrizio ha fissato la sua riflessione è stata: distacco.

E’ sempre triste salutare la gente, ma occorre valutare anche cosa significa salutarsi. Innanzitutto la persona non porta via solo ricordi o nostalgie. Quello del prete è il cammino di purificazione che permette di portare con sé solo il necessario, l’essenziale. Staccati dalle cose, perché a volte diventano ambigue. Le cose ti fanno pensare che se non le possiedi non vali niente, non sei nulla. Ciò che invece è essenziale è sempre conforme al Vangelo. Mi pare che con tutti i miei difetti, che voi conoscete bene, di non aver voluto altro che questo in tutti questi anni. Non ho cercato la gloria, non ho cercato i soldi, gratificazioni, ho cercato di capire, di discernere cosa voleva Dio in questo momento per la mia comunità,
ugg s notizie da Lecco e provincia Caloroso e commosso il saluto della comunità a don Fabrizio Crotta
per me. Distaccarsi vuol dire vedere anche le cose con occhio più saggio, in grado di saper dare la valutazione giusta alle cose. Questo lo puoi fare con l’età che avanza e con l’esperienza, ha proseguito don Fabrizio.

Il Parroco ha attinto di nuovo al documento conciliare, dove si afferma che i presbiteri non sono mai soli nel loro ministero, perché operano con l’onnipotenza di Dio e la fede in Cristo, che li chiama a partecipare del suo sacerdozio. Ed ha affermato: In tutti questi anni non mi sono mai sentito solo in mezzo a voi, anche dopo qualche consiglio pastorale incontro scontro, lo ribadisco: non mi sono mai sentito solo, perché ho sentito che c’era un popolo vivo, un popolo vero che mi amava, perché ho trovato dei preti buoni che mi hanno dato tanti esempi, confratelli che sono qui a concelebrare con me questa sera. Non mi sono mai sentito solo perché qui, come nelle altre chiese della nostra Comunità Pastorale, quando mi trovo davanti al tabernacolo ho sempre sentito tutta la forza che proveniva da quel tesoro che è l’Eucaristia. Questo per me è stato di grande consolazione.

Infine la consegna: che faccio per me, ma credo che ne abbiamo tutti bisogno.

Quattro i suggerimenti donati da don Fabrizio alla comunità per continuare nel cammino di Chiesa popolo di Dio.

Primo: Attuate la comunità tra le parrocchie! Cercate di unirvi più che dividervi. Ritrovate nella liturgia, in particolare nell’Eucaristia ben partecipata, il vero vincolo di unità che è Cristo: Lui è l’unità.

Secondo: Non parlate male di nessuno, cercate di stimarvi a vicenda e perdonate i difetti degli altri: nessuno è perfetto, solo Dio lo è.

Terzo: Guardate a Maria la Regina degli Apostoli, la Vergine che veneriamo a Bevera e nel santuario dei Morti dell’Avello. Ricordatevi dei vostri Santuari. Rendetela come madre, come sorella, come esempio di umiltà e servizio; generosa e pura. Ai giovani vorrei proprio raccomandare la virtù della purezza: è bello essere puliti dentro, nei fatti, nei gesti, nei pensieri. Amare la purezza, amare la verginità significa rinnegare ogni doppiezza, corruzione, sporcizia, confusione, malizia.

Quarto: Ricordatevi dei poveri: non sono un fastidio, ma una provocazione. Ci chiedono di uscire dal nostro comodo, di fare un cammino con loro; ma cercate di farlo insieme con Cristo, nella Caritas in particolare. Ce ne sono tanti: alcuni si vergognano e non chiedono niente, ma fanno fatica ad arrivare alla fine del mese. Alcuni invece sono sfacciati continuano a insistere.

E conclude don Fabrizio: Il mio non è un commiato: tra fratelli ci si sente ancora, ci conosciamo, abbiamo la possibilità di sentirci al telefono, non è lontanissimo Vergiate. Che cosa troverò là? Una Comunità Pastorale che si vuol bene. Sono tutte parrocchie dello stesso comune, ma ci sono quattro preti con età compresa tra 50 e 90 anni, che si trovano tutte le settimane a confrontarsi. C’è una comunità molto attenta alla liturgia, a certi momenti comuni dell’anno liturgico. Dalla quale dovrò imparare molto, come ho fatto con voi. Porterò innanzitutto con me questi sedici anni che ho passato con voi, che hanno segnato la mia vita umana e di prete e quindi è un dono grande. Io non ho doni da darvi vi lascio la mia benedizione, quello che ho cercato di fare: la mia preghiera.

Nella preghiera dei fedeli la comunità ha espresso il suo grazie al Signore per don Fabrizio che per sedici anni ha adempiuto con fedeltà la sua missione, e per don Marco Tagliabue, il nuovo parroco che prenderà possesso della Comunità Pastorale la prossima domenica, affinché possa essere pietra viva e operosa.

Prima della benedizione finale, Mauri Rosarita ha raccolto i sentimenti dell’intera comunità nei confronti di don Fabrizio, espressi in una toccante preghiera letta dall’ambone: preghiera di ringraziamento, supplica e augurio e per il ministero pastorale che continua in un’altra porzione di Chiesa locale della vasta diocesi ambrosiana, che pubblichiamo a parte.

Ultimo atto: il canto d’addio degli scout intonato da padre Leopldo e cantato da tutta l’assemblea, le foto di rito e i saluti personali rivolti a don Fabrizio da parte di tante persone che lo hanno trattenuto a lungo ancora in chiesa, prima di raggiungere l’ultimo appuntamento in programma nel corso della serata che si è svolto all’oratorio,
ugg s notizie da Lecco e provincia Caloroso e commosso il saluto della comunità a don Fabrizio Crotta
di cui diamo cronaca a parte.

ugg bergamo Nomi di Marca

ugg mocassini Nomi di Marca

GOOGLE: il nome del motore di ricerca pi famoso del mondo deriva dalla parola del gergo matematico googol che indica la cifra formata da un 1 seguito da 100 zeri (10100) : chiaro il riferimento all di indicizzare un numero di pagine web enorme. Da notare che il termine venne “coniato” dal nipote (di 9 anni) del matematico che introdusse l del googol.WHATSAPP: una delle applicazioni per cellulari pi usate al mondo con oltre 1 miliardo di utenti stata sviluppata da Brian Acton e Jan Koum, 2 ex dipendenti di Yahoo. Koum invent il nome unendo l inglese “What Up?” (equivalente all “come va? cosa mi racconti?”) con App ovvero l del termine Applicazione.TWITTER: un servizio di microblogging e social network. Twitter la pronuncia di “tweeter” che deriva dal verbo “to tweet” e significa “cinguettare”. Il tweet ovvero “cinguettio” il micromessaggio da 140 caratteri che gli utenti del sito possono condividere.SKYPE: il software di messaggistica istantanea e VoIP originariamente doveva chiamarsi Sky Peer, da sky “cielo” e Peer to Peer (un espressione che indica una rete informatica). Il nome Skype fu scelto perch pi breve e semplice.EBAY: Pierre Omidyar, il creatore del sito di aste online, aveva formato un servizio di consulenza chiamato “Echo Bay Technology Group”. Il logo sottolinea la presenza sul sito di e commerce (che inizialmente vendeva solo libri) di una grande variet di prodotti, dalla A alla Z. Inoltre Amazon inizia con la A e quindi si sarebbe posizionato tra i primi posti in un elenco telefonico e in una directory online.SPOTIFY: Daniel Ek, cofondatore dell svedese che permette l in streaming della musica on demand, ha dichiarato che il nome Spotify non ha alcun significato. Egli infatti, parlando da una stanza all con il socio Martin Lorentzon, ha capito male una parola pronunciata dall Il nome per lo ha subito affascinato, ha verificato che non ci fossero omonimie in rete ed ha depositato all il dominio.FACEBOOK: una piattaforma sociale creata nel 2004 da Mark Zuckerberg e dai suoi compagni di scuola Dustin Moskovitz, Eduardo Saverin e Chris Hughes. Il sito all era utilizzabile esclusivamente dai ragazzi dell di Harvard,
ugg bergamo Nomi di Marca
ma grazie alla sua fama divenne ben presto disponibile a tutti gli studenti americani ed infine a tutte le persone del mondo. Si basa principalmente sulla creazione da parte degli utenti di bacheche (boards) in cui raccogliere immagini in base a tematiche predefinite rendendole di pubblico dominio. Il nome deriva dalle parole inglesi pin (“appendere, fissare”) e interest (“interesse”).DANONE: il nome di una multinazionale francese che gestisce stabilimenti alimentari presenti in tutto il mondo. Nacque nel 1919 da Isaac Carasso che decise di produrre yogurt in una piccola fabbrica di Barcellona. Il nome Danone deriva dal diminutivo del figlio di Isaac, Daniel, chiamato affettuosamente Danon.PAMPERS: un marchio di pannolini della multinazionale americana Procter Gamble. Nacque nel 1956 quando un ricercatore di P Victor Mills, invent i pannolini usa e getta. La scoperta si deve all negativa dello stesso Mills che in quel tempo speriment il cambio dei pannolini di stoffa del suo nipotino appena nato. Il nome Pampers ha origine dalla parola bulgara pampersi che significa “pannolino”.NINTENDO: una multinazionale giapponese specializzata nella produzione di videogiochi. Fu fondata nel 1889 da Fusajiro Yamauchi ed inizialmente produceva carte da gioco. Successivamente la produzione cambia dapprima in stivali di gomma e in seguito in cavi per telefono e telegrafo. La parola finlandese Nokia (plurale di nois) indica un piccolo animale dal pelo scuro (simile allo zibellino) che abitava la zona circostante il fiume.INTEL: nata nel 1968, il produttore di chip per computer deriva il suo nome dall di INTegrated ELetronics. In origine i fondatori Gordon Moore e Robert Noyce avrebbero voluto chiamare la loro azienda Moore Noyce ma il nome suonava simile a “more noise” ovvero “pi rumore” e non era certamente adatto ad un di informatica (nell il rumore solitamente associato alle interferenze). Il nome Intel era gi stato registrato da una catena di hotel quindi dovettero prima comprarne i diritti.MOTOROLA: una famosa azienda statunitense produttrice di elettronica. Alla fondazione nel 1928 il nome era Galvin Manufacturing Corporation. Nel 1947 fu poi cambiato in Motorola dopo aver attribuito il nome ad una nuova linea di autoradio (motor=auto e ola=suono).SAMSUNG: un multinazionale che produce elettronica di consumo. In coreano Samsung significa “3 stelle”.VODAFONE: un multinazionale di telefonia fissa e mobile. Il nome deriva da VOice, DAta, TeleFONE scelto dalla societ per “riflettere la fornitura di servizi voce e dati su telefoni cellulari”.MICROSOFT: una delle pi importanti aziende informatiche al mondo. Il nome originario era Micro soft ovvero la contrazione di “microcomputer” e di “software”. Nel 1976 venne tolto il trattino.APPLE: l del nome misteriosa: si narra che Steve Jobs d lavorasse in una piantagione di mele; inoltre apprezzava molto la casa discografica dei Beatles, Apple. Quando lui e il suo socio Wozniak dovevano decidere il nome della loro azienda, decisero che se non avessero trovato niente di meglio, avrebbero scelto Apple. E cos fu. Il marchio ha raggiunto un valore di 118 miliardi di dollari diventando nel 2013 il 1 brand al mondo (Coca Cola dominava la classifica da 13 anni).
ugg bergamo Nomi di Marca

ugg hats notizie da Lecco e provincia Terza edizione per la sfilata di moda a Calolziocorte

ugg stivali outlet notizie da Lecco e provincia Terza edizione per la sfilata di moda a Calolziocorte

E’ in calendario domenica 8 giugno in piazza Vittorio Veneto a Calolzio la terza edizione della Sfilata di Moda organizzata da Confcommercio Lecco delegazione di Calolzio. La presentazione della manifestazione si è svolta mercoledì 28 maggio a Lecco alla presenza dei vertici dell’associazione, il presidente Peppino Ciresa e il direttore Alberto Riva, del presidente della Zona Valle San Martino di Confcommercio Lecco, Cristina Valsecchi, ideatrice dell’evento, e del presidente del Gruppo Abbigliamento Calzature di Confcommercio Lecco, Oscar Riva.

Il presidente Ciresa ha ringraziato Cristina Valsecchi per l’impegno profuso e ha sottolineato: “Siamo contenti del ritorno della sfilata: speriamo che sia una grande serata. Queste sono iniziative importanti per sostenere i negozi e il commercio. Vorrei ricordare a tutti che le nostre città sono belle se le vetrine sono illuminate e i quartieri vivi e presidiati”.

Quindi Cristina Valsecchi è entrata nel merito dell’evento: “Con questa manifestazione, che ha il patrocinio di Comune di Calolziocorte, Provincia di Lecco e Camera di Commercio di Lecco, si coniugano moda, bellezza e buon gusto. La sfilata, organizzata con atelier leader del settore, vedrà salire in passerella abiti di alta moda, sfoggiati da 13 splendide indossatrici e 4 indossatori professionisti, riportando così dopo la pausa del 2013 questo evento tanto atteso nella piazza principale del comune di Calolziocorte. Non vi nascondo l’impegno profuso nell’organizzazione di tale evento, impegno che sono sicura sarà ripagato dalla soddisfazione e dall’apprezzamento dei presenti. Ci aspettiamo un migliaio di persone”.

Anche Oscar Riva ha voluto fare i complimenti alla ideatrice e ai commercianti calolziesi: “A Calolzio sono stati realizzati diversi eventi che tendono a sviluppare e sostenere il tessuto commerciale fidelizzando la clientela. I negozi di vicinato sono una ricchezza del territorio: danno un servizio di qualità e sono prossimi alla gente”.

La Sfilata di Moda di domenica 8 giugno sarà presentata da Irene Colombo. “Ringrazio i negozi che hanno aderito e anche l’Amministrazione comunale di Calolzio e il sindaco Cesare Valsecchi che hanno concesso l’utilizzo del Municipio come back stage per i modelli concluso Cristina Valsecchi E ringrazio gli sponsor: Cattaneo Service Partner Volkswagen Valsecchi Ubaldo Marmi e Graniti Global Consulting Consulenza Assicurativa Gelateria C’era una volta Bar Ermete e Laura”.
ugg hats notizie da Lecco e provincia Terza edizione per la sfilata di moda a Calolziocorte

stivaletti ugg non solo per lavare i denti

outlet ugg italia non solo per lavare i denti

1) Utile per alleviare l’irritazione provocata dalle punture di insetto. Basta applicare una minima quantità di dentifricio sulla parte interessata per calmare il prurito e ridurre il gonfiore. Il dentifricio tende anche ad asciugare le piccole ferite o bolle permettendo così alla piaga di rimarginarsi più velocemente.

2) Può lenire il dolore dovuto ad una bruciatura. Per le ustioni lievi che non comportano una ferita aperta, un velo didentifricio può dare subito sollievo.

3) Asciugare i brufoli. Applicate una punta di dentifricio solo sul foruncolo che volete eliminare in poco tempo, meglio la sera prima di andare a dormire. Il mattino dopo lavatelo e vedrete che sarà completamente asciugato.

4) Pulizia delle unghie. Per unghie più pulite, lucide e forti è sufficiente mettete un po’ di dentifricio su un vecchio spazzolino inutilizzato. Se usate un dentifricio sbiancante contenente perossido potrete rimuovere il colorito giallognolo che si crea dopo un ampio uso dello smalto.

5) Ordinare i capelli. Può sostituire il gel in quanto i dentifrici in gel contengono gli stessi polimeri solubili in acqua dei gel per capelli quindi, come soluzione estrema, provate a scolpire i vostri ciuffi col dentifricio.

6) Elimina i cattivi odori. Per eliminare odori sgradevoli sulle mani come quello da aglio, cipolla o pesce è sufficiente lasciare sulle nostri mani una dose di dentifricio e lasciate agire per qualche minuto prima di sciacquare con acqua tiepida.

7) Rimuove le macchie. Elimina le macchie difficili da tessuti o tappeti. Sui vestiti, applicate direttamente sulla macchia il dentifricio e strofinate energicamente, quindi lavate il capo normalmente. Bisogna fare attenzione ai dentifrici sbiancantiperché possono avere un effetto candeggiante sui tessuti.

8) Pulire le scarpe da ginnastica. Scarpe da ginnastica usurate possono tornare come nuove grazie al dentifrico ed una spazzola

9) Elimina le macchie sui muri. Mettete il dentifricio sulla parete e strofinate con un panno umido: le macchie spariranno.

10) Fa brillare l Applicate sui vostri pezzi d’argenteria o sui vostri gioielli e lasciatelo agire per tutta la notte. Il mattino dopo pulite tutto con un panno umido. L sarà lucido e brillante! Evitare i dentifrici con migrogranuli.

11) Rimuove i graffi su CD e DVD. Rimedio utile per i graffi superficiali e macchie presenti sui CD o i DVD. Basta applicare uno strato sottilissimo di dentifricio e strofinare delicatamente. Poi, passate sulla superficie del disco un panno umido.

12) Stuccare i muri. Se avete da tappare un buco sul muro se vi manca lo stucco potete tranquillamente usare il dentifricio bianco

13) Pulisce bene i biberon dei bambini. Per rimuovere ogni residuo dal biberon e elimina quel caratteristico odore di latte che rimane all’interno, fate una pulizia con del dentifricio con i microgranuli aiutandovi con uno scovolino per bottiglie. Ricordatevi di sciacquare più volte il biberon prima di riutilizzarlo.

14) Toglie la crosticina bruciata dal ferro da stiro. A volte la piastra del ferro da stiro sviluppa una crosticina bruciata. Per eliminarla, utilizzate del dentifricio:contiene silice che macina via ogni residuo di ruggine.

15) Utile per evitare l’appannamento delle lenti. Trucco usato dai subacquei o i nuotatori. E’ sufficiente strofinare una piccola quantità di dentifricio sulle lenti delle maschere da sub o gli occhialini e poi sciacquare per evitare l’appannamento. Attenti operò a non graffiare le lenti con i granuli abravisi di alcuni dentifrici.
stivaletti ugg non solo per lavare i denti

ugg.ro Nike Air Max

ugg boots clearance Nike Air Max

Le Nike Air sono un modello molto amato, anche dall’artista anglo nigeriano Skepta che ha voluto dare la propria versione con le nuove Air Max 97 SK. Ispirate al Marocco, queste scarpe ci portano in viaggio fino ad Essaouira, città della costa molto frequentata dalle rockstars negli anni ’60. Da qui vengono colori, suoni e storie che poi hanno dato forma alla collaborazione Air Max 97 SK.

Skepta descrive così la sua seconda casa, il Marocco, e come la scarpa rappresenta la sua identità e le sue origini:

“Sono molto fortunato perchè mi è stata data la possibilità di girare il mondo facendo il mio lavoro. Dopo essere stato in tour per così tanto, avevo bisogno di quiete. Ho trovato il Marocco, ed era perfetto. Lì ho trovato la pace che cercavo. Mi piace l’architettura, i colori pastello, i taxi, il fatto che puoi entrare in un piccolo souq, aprire una porta e trovarti in un nuovo mondo del tutto inaspettato.

Lo stile mi ricorda quello della Nigeria il modo in cui le persone indossano vestiti pratici e casual. Secondo me, sono i ricami sui vestiti a renderli reali. Sono come re,
ugg.ro Nike Air Max
regine, principi e principesse. Il mio intento era quello di introdurre i ricami per le strade, posti dove le persone non sentono autorizzate ad indossare certe cose; desideravo farci sentire bene, ecco.

Dopo Marrakesh, ci siamo messi in viaggio verso Essaouira per capire da dove arrivasse l’atmosfera. Abbiamo parlato con più gente possibile, svolto attività quotidiane e ci siamo sentiti come se fossimo a casa. Quando abbiamo disegnato le Air Max 97 Sk abbiamo preso in considerazione tutto lo schema di colori del Marocco, ma anche i colori delle Air Tuner Max 1999.

Quella è stata la prima scarpa che ho comprato con i miei risparmi, così volevo riportare in voga la magia delle AM97 la stessa magia che mi ha fatto innamorare delle Air Max quando le ho viste da bambino.

Mi ricordo che da bambino, quando andavo a letto, mettevo le Air Max in un posto preciso: dove potevo vederle bene anche una volta coricato. Era il colore, sembrava quasi olio, cambiava da un verde quasi alieno ad un burgundy scuro che poi diventava chiaro.

Nel retro e sulla linguetta abbiamo aggiunto un ricamo ispirato al Marocco, e sulla suola abbiamo ricreato una stampa che ricorda quello che ho visto lì. Il logo SK è a forma di una spina elettrica inglese mixato con il classico distintivo TN che mettono sulle sneakers.”
ugg.ro Nike Air Max

rivenditori ugg roma notizie da Lecco e provincia Da H la collezione firmata dalla cantante Zara Larsson

ugg boots for cheap notizie da Lecco e provincia Da H la collezione firmata dalla cantante Zara Larsson

H è entusiasta di svelare la propria collaborazione con l’artista vincitrice del disco di platino Zara Larsson. La capsule, ispirata allo stile pop svedese, presenta grafiche forti abbinate a capi streetwear straordinari. Sarà disponibile in punti vendita selezionati in tutto il mondo e online a partire dal 18 maggio.

Zara Larsson è conosciuta per le sue canzoni giocose ed emancipate, la sua collezione non solo riflette gli stessi messaggi di donne anticonformiste e femminili, ma anche lo stile personale della popstar. Abiti come la felpa con cappuccio oversize e la maglietta, entrambi caratterizzati da una grafica rosa shocking e messaggi femministi forti, si bilanciano con shorts e top attillati. La palette di colori è dominata da una gamma di rosa, con argento e nero come complementi, mentre i materiali principali sono il velour,
rivenditori ugg roma notizie da Lecco e provincia Da H la collezione firmata dalla cantante Zara Larsson
il denim, i tessuti in rete e il jersey di cotone.

Sono davvero entusiasta di poter finalmente condividere la mia collezione con H racconta Zara Larsson . Mi sono divertita molto a lavorare con il team, per disegnare i capi e creare una campagna che rifletta la mia personalità. Non vedo l’ora di vedere come le ragazze di tutto il mondo interpreteranno la collezione con il proprio stile.

Zara ha preso parte al processo di design passo dopo passo, sovrintendono tutto, dalle stampe ai colori, ai tagli e modelli. Per esempio, il rosa non è stato scelto solamente perché è uno dei suoi colori preferiti, ma anche perché come dice lei, “è femminile,
rivenditori ugg roma notizie da Lecco e provincia Da H la collezione firmata dalla cantante Zara Larsson
forte e sta bene a tutti”.

sparkle ugg boots NOMINATION E NAUFRAGHI RIPESCATI

official ugg boots NOMINATION E NAUFRAGHI RIPESCATI

In nomination in vista della prossima puntata dell dei Famosi 2018 sono finite Elena Morali, Bianca Atzei e Alessia Mancini. Ecco com andata. Simone Barbato scrive Franco Terlizzi. Rosa Perrotta nomina Bianca Atzei. Idem Elena Morali. Amaurys dice Simone. Jonathan fa il nome di Francesca Cipirani perch non collabora al lavoro di gruppo. Quindi si passa ai naufraghi che devono fare le nomination palesi: Bianca vota Elena. Anche Franco dice la Morali. Nino Formicola (Gaspare) nomina pure lui Elena. La Morali accusa alcuni di fare “cartello”. Sfogo che non le porta nulla, infatti Alessia Mancini la nomina. Francesca Cipriani dice Bianca. Bianca e Francesca questa settimana dovranno restare legate l all Dunque: 4 Elena Morali e 3 Bianca Atzei in nomination dal gruppo. Il voto di Marco Ferri (Mejor della settimana) per Alessia Mancini.

ISOLA DEI FAMOSI 2018, PAOLA DI BENEDETTO ELIMINATA. MA DUE NAUFRAGHI SARANNO RIPASCATI. ISOLA 2018 NEWS

Paola Di Benedetto stata eliminata al televoto dell dei Famosi 2018 (ballottaggio finale con Franco Terlizzi), ma potrebbe rientrare in gioco insieme agli altri naufraghi tornati a casa, Filippo Nardi, Cecilia Capriotti e Nadia Rinaldi: con un televoto in positivo saranno ripescati in due.

Isola dei Famosi 2018, Alessia Marcuzzi incinta? L ISOLA 2018 NEWS

Alessia Marcuzzi incinta? L guardando la diretta dell dei Famosi 2018. Un pancino tondo che fa capolino dall nero. E la rete si scatena su una possibile gravidanza di Alessia Marcuzzi, mentre lei al momento, non replica ai rumors che girano sul web. Se fosse davvero incinta per la conduttrice del reality di Canale 5 si tratterebbe del terzo figlio dopo Tommaso (da Simone Inzaghi) e Mia (da Francesco Facchinetti) e il primo con l compagno Paolo Calabresi Marconi.

Isola dei Famosi 2018, Cecilia Capriotti: “Non sono rifatta. Se ho un orgasmo.” ISOLA 2018 NEWS

“Ho la fortuna di avere le labbra carnose. Ad esempio Rosa ha le labbra rifatte, io no. Non ho il botox, non ho rifatto nulla, se non un piccolo intervento al seno. Nonostante tutto se una ben rifatta meglio della Mancini anche perch lei non Miss Italia”. Parola di Cecilia Capriotti, sexy naufraga recentemente eliminata dall dei Famosi 2018. ISOLA 2018 NEWS

Bianca Atzei e Paola Di Benedetto hanno deciso di slegarsi infrangendo le regole del Grande Fratello ( e magari rischiando ora qualche punizione) che le aveva “condannate” a trascorrere una settimana costantemente legate da una corda. Una coppia forzata che alla fine scoppiata e cos le due hanno deciso di lasciarsi, o meglio slegarsi, di comune accordo, come hanno dichiarato entrambe.

“Sono quattro giorni che siamo legate mattina e sera. Siamo diverse in tutto. Stare legate difficile perch devo aspettare i suoi tempi. Lei un po una scansafatiche”, ha detto Bianca Atzei. D anche Paola Di Benedetto: “Ci sleghiamo perch da entrambe le parti siamo arrivate allo sfinimento. S ci siamo avvicinate, abbiamo approfondito dei discorsi. Per nel momento in cui io mi sentissi di nominarla, lo far a prescindere da questa settimana che abbiamo trascorso pi vicine”

Isola dei Famosi 2018, naufraghi in arrivo: la conferma. Eliminati e. ISOLA DEI FAMOSI 2018 NEWS Franco, Gaspare e Paola Di Benedetto in nomination

Marted 27 febbraio, in prima serata su Canale 5, sesto appuntamento con dei Famosi In studio, con la padrona di casa Alessia Marcuzzi, anche Mara Venier, Daniele Bossari e la Gialappa Band. Sull dei Famosi, per Franco, Gaspare e Paola l del verdetto del pubblico, che marted decreter chi sar eliminato. Al centro della puntata di domani anche nuovi ingressi: nel corso della serata verr aperto un nuovo televoto che decreter i nuovi naufraghi che sbarcheranno su Playa Uva.

Isola dei Famosi 2018, naufraghi in arrivo: la conferma. Eliminati e. ISOLA DEI FAMOSI 2018 NEWS Giucas Casella nuova ipnosi

Intanto Giucas, ancora in Honduras per completare gli accertamenti medici, si prepara ad affrontare un nuovo esperimento. Chi sar la vittima che verr ipnotizzata questa settimana?

termina la quinta settimana, la prima per i naufraghi trascorsa riuniti sulla nuova Playa Uva. Paola e Bianca hanno passato la settimana legate da una corda, costrette a condividere ogni spazio e ogni momento della giornata. Franco, al televoto per la seconda settimana consecutiva, ha cercato di scoprire chi tra i compagni lo ha votato, rivelando aspetti insospettabili del suo carattere. Gaspare si scontrato con Elena, gi al centro di diverse discussioni. L ufficiale Isola.

Isola dei Famosi 2018, Naike Rivelli e Max Biaggi: 2 no. RETROSCENA ISOLA DEI FAMOSI 2018 NEWS

Naike Rivelli avrebbe detto no ad entrare in corsa all dei Famosi 2018. tentativo di rianimare le dinamiche interne al cast dell dei Famosi fa sapere Alberto Dandolo per la produzione ha pensato di far naufragare nuovi concorrenti. La prima convocata stata Naike Rivelli, 43, che per ha rifiutato. Perch Naike ha poi postato un video su Instagram in cui avvisa “che fumo canapa light” e quindi impossibilitata a partecipare. Si era pensato a Max Biaggi, che per sembra essere felicemente fidanzato: Carpente,
sparkle ugg boots NOMINATION E NAUFRAGHI RIPESCATI
29, attrice romana, la nuova fidanzata di Max Biaggi, 46. ISOLA 2018 NEWS

Paola Di Benedetto sar eliminata dell dei Famosi 2018? La modella in nomination con Gaspare (Nino) e Franco Terlizzi e, stando ad alcuni sondaggi del web, sarebbe la principale indiziata a lasciare l Tra l c un indizio riportato da Spy, secondo cui Francesco Monte avrebbe chiesto alla produzione dell di poter partecipare alla puntata del ritorno in Italia di Paola. L naufrago resterebbe dietro le quinte, pronto ad accogliere la modella. a Paola. Tifo per lei. E sto iniziando a immaginare come sarebbe vivere la vita reale. Ed un pensiero bello, fisso, costante. La aspetto. O se mi invitano, andr a prenderla quando uscir Mal che vada gli studi sono a Milano, sapr dove farmi trovare ha dichiarato di recente Francesco Monte a Chi.

Isola dei Famosi 2018, arrivano nuovi naufraghi. Ecco i nomi. ISOLA 2018 NEWS La conferma su Aida Nizar

Isola dei Famosi 2018 pronta ad accogliere nuovi naufraghi. In primis dovrebbe esserci Aida Nizar, come anticipato nei giorni scorsi. La conferma arriva anche da Spy nelle ultime ore che parla di una “sexy concorrente, dal nome top secret, molto famosa in Spagna per aver partecipato al Gran Hermano, la versione spagnola del nostro Grande Fratello, nonch un volto femminile noto al bello del gruppo dei naufraghi, Marco Ferri”.

Isola dei Famosi 2018, arrivano nuovi naufraghi. Ecco i nomi. ISOLA 2018 NEWS Luigi Mastrangelo s Stefano Bettarini no

L dei Famosi 2018 per potrebbe accogliere anche un altro naufrago illustre: e secondo il magazine Mondadori, si tratterebbe dell pallavolista Luigi Mastrangelo (per anni perno della nazionale azzurra che ha vinto medaglie olimpiche e diversi ori tra Europei e World League). Sempre secondo Spy Stefano Bettarini, gi inviato nell dei Famosi 2017, avrebbe potuto arrivare come concorrente, ma era gradito dalla concorrente Alessia Mancini, suo ex flirt. Si voluto evitare un rancore che sarebbe potuto esplodere in Honduras, con inevitabili scenate e litigi Secondo il settimanale sarebbe stata contattata anche Michela Coppa, con la valigia quasi in mano dei Famosi 2018, Paola Di Benedetto eliminata? Gli indizi. ISOLA 2018 NEWS

Paola Di Benedetto sar eliminata dell dei Famosi 2018? La modella in nomination con Gaspare (Nino) e Franco Terlizzi e, stando ad alcuni sondaggi del web, sarebbe la principale indiziata a lasciare l Tra l c un indizio riportato da Spy, secondo cui Francesco Monte avrebbe chiesto alla produzione dell di poter partecipare alla puntata del ritorno in Italia di Paola. L naufrago resterebbe dietro le quinte, pronto ad accogliere la modella. a Paola. Tifo per lei. E sto iniziando a immaginare come sarebbe vivere la vita reale. Ed un pensiero bello, fisso, costante. La aspetto. O se mi invitano, andr a prenderla quando uscir Mal che vada gli studi sono a Milano, sapr dove farmi trovare ha dichiarato di recente Francesco Monte a Chi.

Isola dei Famosi 2018, arrivano nuovi naufraghi. Ecco i nomi. ISOLA 2018 NEWS La conferma su Aida Nizar

Isola dei Famosi 2018 pronta ad accogliere nuovi naufraghi. In primis dovrebbe esserci Aida Nizar, come anticipato nei giorni scorsi. La conferma arriva anche da Spy nelle ultime ore che parla di una “sexy concorrente, dal nome top secret, molto famosa in Spagna per aver partecipato al Gran Hermano, la versione spagnola del nostro Grande Fratello, nonch un volto femminile noto al bello del gruppo dei naufraghi, Marco Ferri”.

Isola dei Famosi 2018, arrivano nuovi naufraghi. Ecco i nomi. ISOLA 2018 NEWS Luigi Mastrangelo s Stefano Bettarini no
sparkle ugg boots NOMINATION E NAUFRAGHI RIPESCATI

ugg on line notizie da Lecco e provincia Tutti in coda per ritirare il bidone giallo

ugg aus notizie da Lecco e provincia Tutti in coda per ritirare il bidone giallo

Lunghe e interminabili code con un tempo medio di attesa non inferiore a un’ora e mezza. Ma com’è possibile che ci sia una sola persona a distribuire i contenitori? si lamentano infuriati i cittadini in fila è permesso l’ingresso all’Ecosportello di una sola persona alla volta e il tempo per la verifica del codice fiscale e la consegna del bidone giallo raggiunge quasi i 5 minuti. Con una coda così è facile capire che l’attesa diventa davvero snervante. In tanti, infatti, hanno preferito rinunciare ancora una volta al ritiro del proprio contenitore e si sono allontanati sbuffando.

Le lamentele dei cittadini costretti a interminabili code davanti all’Ecosportello si vanno ad aggiungere ad una lista già lunga di problemi sorti con l’avvio della sperimentazione. I primi a lamentarsi per l’introduzione sono stati i commercianti, preoccupati per la diminuzione dei giri di raccolta che potrebbe creare parecchi disagi. Anche il bidone giallo è finito da subito sotto accusa, al punto che i rappresentanti di Confcommercio si sono attivati per valutare insieme all’amministrazione comunale la possibilità di utilizzare dei sacchi gialli al posto dell’ingombrante contenitore. Altra criticità evidenziata con l’avvio della sperimentazione è quella legata alle spropositate dimensioni dei contenitori per condomini con più di 12 appartamenti. Questi maxi bidoni, che hanno una capacità da 360 litri e devono essere richiesti dagli amministratori condominiali direttamente a Silea, sono in molti casi difficili da gestire, occupano troppo spazio e stanno complicando non poco le operazioni necessarie per una corretta raccolta differenziata, sulla quale molti lecchesi continuano a non avere le idee chiare.

A questo proposito vale la pena ripetere ancora una volta i cambiamenti che la nuova frazione di differenziata comporterà. Nel bidone giallo vanno introdotti: carta, cartone, cartoncino anche di piccole dimensioni, giornali, riviste, fogli, buste, scatole e confezioni in cartone (scarpe, pasta.), vaschette in cartone per le uova, sacchetti in carta, fascette esterne in cartone (quelle che tengono insieme le confezioni di yogurt, scatolame.), quaderni, dépliant, volantini pubblicitari. Non vanno introdotti: carta sporca (fazzoletti e tovaglioli usati, carta contaminata da residui alimentari), cartoni per bevande in tetrapack (latte, vino, succhi.). Imballaggi in plastica puliti, tetrapak, acciaio e alluminio continueranno ad andare nel sacco viola e resta sempre possibile portare carta e cartone al Centro raccolta rifiuti di via Buozzi 53 a Lecco, località Bione.
ugg on line notizie da Lecco e provincia Tutti in coda per ritirare il bidone giallo

original ugg Non solo ricerche Guide Windows

ugg punti vendita Non solo ricerche Guide Windows

Google è indubbiamente il più conosciuto e più usato motore di ricerca del web. Ma forse non tutti sanno che Google mette a disposizione una serie di utilities che possono zervire per varie cose, con il vantaggio di essere gratuite (per lo meno nelle loro versioni “lite”).

Vediamo quindi dove è possibile trovare queste utilities e a che cosa servono.

Google Alerts: registrandovi e selezionando le categorie di vostro interesse potete ricevere in posta elettronica le ultime notizie sugli argomenti desiderati, impostando anche la frequenza con cui ricevere le notizie

Google Calendar: un calendario online sul quale potete salvare gli eventi e condividerli con chi volete. I partecipanti ai vari eventi riceveranno un il giorno prima dell come promemoria

Google Directory: tutte le informazioni, classificate per categorie

Google Documenti e Fogli di Lavoro: potete creare dei veri e propri documenti e fogli di lavoro (come in Word ed Excel) e condividerli con chi volete, in modo che siano sempre accessibili, anche se non siete davanti al vostro computer

Funzioni speciali di Google: una piccola guida per imparare le cose che normalmente non si sanno sulle ricerche con Google (operazioni, traduzioni, ricerca di documenti specifici.)

GMail: forse la funzionalità che più ha avuto successo e la più ricercata dagli utenti del web (contando che fino a poco fa era necessario essere invitati per accedervi). Una vera e propria casella di posta elettronica da 2,8 GB di spazio che consente inoltre di creare un account Google, necessario per accedere a diversi servizi di Google. Da apprezzare soprattutto il fatto che è possibile utilizzare questa casella di posta dai normali programmi di posta elettronica (Outlook, Outlook Express, FoxMail.) senza l della posta su provider concorrenti

Google Maps: le mappe di tutto il mondo. Potete pianificare l di un viaggio, vedere se ci sono attività commerciali o alberghi in zona, ricercare direttamente aziende e attività varie.

Google Gruppi: create dei gruppi di discussione per gli argomenti che vi stanno più a cuore e invitate i vostri amici a partecipare

Google Immagini: fare una ricerca nel web per immagini

Google Labs: un dei nuovi servizi di Google, dove poter esprimere anche dei giudizi

Google Mobile: Google per il cellulare

Google News: ricerche tra news da tutto il mondo

Google Blog: ricerche tra i vari blog presenti nel mondo

Google Libri: per le ricerche “full text” tra migliaia di libri

Google Video: i video inseriti dagli utenti, si possono trovare migliaia di video interessanti

Google Web: il classico Google, il motore di ricerca che tutti ormai conoscono

Altri strumenti di Google

Oltre ai servizi già visti, accessibili direttamente via web, Google mette a disposizione alcuni programmi che permettono di sfruttare altre risorse di Google e del nostro computer. Vediamoli nel dettaglio.

Blogger: permette di creare un vero e proprio blog sul web. Necessita di account Google

Google Desktop: programma da scaricare che permette di catalogare i file del computer e, collegandosi a servizi di Google, di ricevere tutte le informazioni direttamente sul desktop

Google Earth: programma da scaricare per avere sempre sul proprio computer tutte le mappe di Google, con tantissime strutture architettoniche precaricate. La versione gratuita permette la consultazione delle mappe, le versioni a pagamento permettono tra le altre cose di collegare dispositivi GPS per utilizzare il programma come un navigatore satellitare

Google Maps Mobile: le mappe di Google sul cellulare

Google Pack: un pacchetto che permette di installare automaticamente alcuni software Google e altri software utili (e soprattutto gratuiti) consigliati sempre da Google
original ugg Non solo ricerche Guide Windows

ugg store locator Nike Dunk Sky High ecco le nuove it sneakers dell

ugg uk sale Nike Dunk Sky High ecco le nuove it sneakers dell

Ormai stanno diventando un’icona tra le fashion victim. Loro sono le sneakers wedge Nike Dunk Sky, classiche scarpe da gym con un tocco di femminilità in più. Qual è il segreto del successo di queste calzature da ginnastica? Sicuramente la zeppa nascosta nel tallone, aiutata dal design trendy della scarpa alta Nike Dunk Sky, che permette di sfoggiare qualche centimetro in più senza traballare ed allo stesso tempo essere alla moda.

Perfette con un look street casual, anche se le più glam le indossano anche con abitini chic, hanno un’estetica inconfondibile che è entrata nella leggenda dello stile urban. Le sneakers zeppate non sono una novità,
ugg store locator Nike Dunk Sky High ecco le nuove it sneakers dell
ci ha pensato Isabel Marant a sdoganarle in tutto il mondo solo un paio di stagioni or sono.

Ma per le amanti linea sporty chic dei modelli cult della casa di moda di abbogliamento e accessori, alle esigenze moderne cittadine. I materiali sono di qualità, la tomaia è in pelle e la superficie colorata in pelle scamosciata, resistente e comfy.

La storia della Nike Dunk tuttavia non nasce oggi, anche se questa è di certo la riedizione più giovane e contemporanea. Questa scarpa vede la luce nel lontano 1985, e si ispira alle rivoluzionarie divise delle squadre di basket dei college americani. Skater e trendsetter hanno fatto in modo che questa scarpa diventasse di culto,
ugg store locator Nike Dunk Sky High ecco le nuove it sneakers dell
proposta ogni stagione in accattivanti cartelle cromatiche e in varianti particolari.