ugg womens boots notizie da Lecco e provincia Bidone giallo a Lecco

ugg guanti notizie da Lecco e provincia Bidone giallo a Lecco

Lunedì 13 novembre parte anche in zona 5, di colore arancione nella mappa sotto riportata, la nuova raccolta monomateriale di carta e cartone, mentre martedì 14 novembre sarà la volta della zona 4, indicata in rosa. La cadenza nella raccolta di carta e cartone sarà quindicinale in alternanza al sacco viola.

Gli imballaggi in cartone possono continuare a essere ripiegati ed esposti in modo ordinato fuori dal bidone, come in precedenza.

Il bidone di colore giallo adibito alla raccolta di carta e cartone prodotti dalle utenze domestiche è distribuito gratuitamente agli utenti del servizio a partire dal 16 ottobre all’Ecosportello di corso Promessi Sposi 30/G, dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 15 e il sabato dalle 8.30 alle 12. Per ritirarlo non sarà più necessario presentare l’attestazione della Tassa Rifiuti (TARI), bensì sarà sufficiente mostrare la CRS/tessera sanitaria o il codice fiscale dell’intestatario dell’utenza.

Le utenze non domestiche continueranno a riporre cartone e carta a parte; in ogni caso tale frazione non dovrà più essere inserita nel sacco viola, che continuerà invece a contenere imballaggi in plastica,
ugg womens boots notizie da Lecco e provincia Bidone giallo a Lecco
tetrapak, acciaio e alluminio.

Allegati i volantini in distribuzione.

Cosa non nel bidone giallo: carta sporca (fazzoletti e tovaglioli usati, carta contaminata da residui alimentari), cartoni per bevande in tetrapack (latte, vino, succhi).

Cosa mettere nel sacco viola

Cosa introdurre nel sacco viola: imballaggi in plastica puliti, tetrapak, acciaio e alluminio.

La piattaforma ecologica

infine sempre possibile conferire carta e cartone presso la piattaforma ecologica di via Buozzi 53 a Lecco, località Bione. Il centro è aperto, per le utenze domestiche,
ugg womens boots notizie da Lecco e provincia Bidone giallo a Lecco
dal martedì al sabato dalle ore 9 alle ore 12.30 e dalle ore 14 alle ore 18.30. Per le utenze non domestiche è aperto dal martedì al venerdì dalle 14 alle 18.30. L’accesso è consentito fino a 15 minuti prima dell’orario di chiusura.

ugg womens boots Scarpe da trekking e passo felpato

ugg australia milano Scarpe da trekking e passo felpato

Sarzana Val di Magra Domenica 8 maggio l’Oasi LIPU Arcola con il patrocinio di Parco di Montemarcello Magra organizza un’escursione per scoprire uno dei gioielli naturalistici più interessanti e ancora poco conosciuti della Liguria di levante. Il sito è caratterizzato da un complesso di 8 laghetti artificiali completamente naturalizzati fino a divenire oggi una delle zone umide più importanti della Liguria tale da essere riconosciuta Sito di Importanza Comunitaria. L’area offre infatti rifugio e riparo a numerose specie di uccelli migratori e stanziali che è possibile osservare grazie ad alcuni capanni e percorrendo i sentieri attrezzati da pannellistica didattica e aree pic nic realizzati recentemente dal Parco di Montemarcello Magra.

L’appuntamento è per domenica 8 maggio ore 9.00 a Sarzana presso il parcheggio dell’area Gerardo Grancasa di fronte all’Agraria raggiungibile dall’autostrada A12 uscita di Sarzana. Oasi LIPU Arcola.
ugg womens boots Scarpe da trekking e passo felpato

ugg womens boots Tim Cook svela cosa bolle in pentola

ugg stivali outlet Tim Cook svela cosa bolle in pentola

Roma Tim Cook ha concesso una lunga intervista sullo stato delle cose e sui possibili sviluppi per il futuro. O almeno per quello rappresentato nella sua visione delle cose che parte da un assunto: ha pi speranze nella realt aumentata (AR) che nella realt virtuale (VR).

Un antipasto di quello che intende Apple quando si parla di possibilit con la realt aumentata la sua nuova tecnologia ARKit, presente nel nuovo iPhone ma gi anticipata con un video nei mesi scorsi: si tratta di un software che permette di “mostrare” attraverso lo schermo del dispositivo, oggetti virtuali brillanti giustapposti e posizionati nella realt che circonda l’utente, una realt che insomma guadagna nuovi contenuti nascosti se non visualizzati attraverso un dispositivo, come raccontato per esempio dal maestro del cyberpunk Bruce Sterling nella nuova trilogia Blue Ant.

Proprio da qui parte Cook: la realt aumentata rivoluzioner del tutto lo shopping, ma non si limiter a cambiare questo, finendo per avere un’influenza su tutti gli aspetti della vita. D’altra parte, spiega, app facilmente utilizzabili come quelle di IKEA possono essere fatte per l’educazione, la navigazione, gli affetti, i viaggi: tra le nuove app mostrate durante l’intervista ce n’ una che sovrappone informazioni sui sentieri di montagna percorsi dall’utente, una per imparare l’astronomia che d informazioni su stelle e sistemi solari, una per videogame che possono essere giocati come veri e propri giochi da tavola.

E questo rappresenta solo l’inizio della tecnologia, che ora che anche se in una forma basilare alla portata di tutti pu esplorare la sua vera portata: in questo senso, sottolinea Cook, sar fondamentale il ruolo degli sviluppatori terzi che avranno accesso a ARKit e alle informazioni di Apple per lo sviluppo della realt aumentata.

Cook sottolinea naturalmente il ruolo che potr svolgere Apple in questa rivoluzione: Cupertino racchiude in s sia lo sviluppo dell’hardware che del software e la sua community rappresenta una realt amalgamata e coerente, fattori che la pongono in vantaggio su Android, come dice oltre a Cook anche Greg Joswiack, vicepresidente Apple per iOS, iPad e per il marketing iPhone, che del concorrente sottolinea la frammentazione in diversi software e la mancanza di una comunit unit di sviluppatori. Si prevede un verso un nuovo visore VR firmato Apple

non so nr: Mago

gli schermi dei telefoni e tablet sono troppi piccoli e i grossi televisori non si possono muovere, servono gli occhiali ma oggi per avere qualcosa di funzionale devi spendere almeno 3000 euro come gli hololens MS e trovare una applicazione professionale, magari per qualche arredatore o architetto in ingegneria non servono

Scritto il 13/10/2017 alle 10.14 Scritto da: Mago> gli schermi dei telefoni e tablet sono troppi

> piccoli e i grossi televisori non si possono

> muovere, servono gli occhiali

direi che a questo punto l’ipotesi che nei laboratori di apple ci siano degli occhiali per la realt aumentata sia piuttosto sensata

c’ giusto il piccolissimo problema di girare con una cam sempre attiva montata su degli occhiali. che abbinata alle tecnologie di AI e riconoscimento facciale mostrate con face ID la rende ancor pi inquietante
ugg womens boots Tim Cook svela cosa bolle in pentola